Pietro Babina, poliedrico e trasversale esploratore di nuovi linguaggi visivi nel campo del teatro e della musica, insieme a Romaeuropa Fondazione ha introdotto nel percorso di ricerca del progetto ECO un nuovo elemento di indagina, grazie alla prestigiosa collaborazione intrapresa con l'Università americana di Pittsburgh. In questa fase il regista, partendo dalla drammaturgia creata nelle sessioni di ECO, sperimenta un sistema di ripresa video a 360°, ideato dallo staff di Eyesee360 – dipartimento della Carnegie Mellon University (USA).
In questa tipologia di video, lo spettatore viene a trovarsi all’interno dell’azione e spetta a lui navigare l’azione filmata, ricercando in tempo reale l’inquadratura. Grazie ad un sistema geo-localizzato infatti lo spettatore punta un personal device nello spazio come stesse riprendendo ed in tempo reale vede comparire oggetti e persone non presenti nella realtà dello spazio in cui sta agendo. Questo sistema, progettato appunto da una equipe americana di Pittsburgh Pennsylvania – USA, non ha ancora trovato una sua applicazione in campo artistico.  ECO la sperimenta pionieristicamente, cercando di comprenderne le implicazioni e il potenziale sul piano del linguaggio.
 
Il primissimo risultato di questa ricerca, Draft Fim 360 [1], è stato presentato nel Dicembre 2012 all'interno del contesto DIGITAL LIFE TALKS " RICERCARE IL FUTURO. Dove la creatività incontra l'Accademia".
 
Gopano.com