Festival 360

incontri

MUSIC INSID(I)E
Incontri di guida all’ascolto della musica contemporanea condotti da Massimo Acanfora Torrefranca, Carlo Boccadoro, Marcello Panni, Francesco Antonioni, Federico Capitoni e Marcello Filotei a cura di Nuova Consonanza.
Il ciclo Music Insid(i)e è un invito a superare il pregiudizio che associa la peculiare natura sperimentale e innovativa della musica contemporanea con la scarsa comprensibilità per gli ascoltatori. Attraverso una serie d’incontri destinati a un pubblico non specializzato, nei quali vengono esposti in modo semplice e diretto le intenzioni dei compositori e i contenuti di opere musicali del nostro tempo, lo spettatore avrà modo di vivere l’esperienza d’ascolto della musica di oggi in maniera più consapevole e di trarne un piacere più compiuto e profondo.
> vai al programma

POST IT
a cura di Matteo Antonaci
Un nome in grado di richiamare la rapidità di comunicazione dei celebri fogliettini gialli per le note, tanto quanto il linguaggio dinamico dei cosial network:Post It, il nuovo progetto della Fondazione Romaeuropa per gli incontri post-spettacolo.
Un ponte tra scena e attualità con incursioni nel mondo del web e delle nuove tecnologie, del cinema, della radio, dello sport, della politica, del sociale, ma anche della cucina, della danza e del teatro. Un nuovo modo di creare incontri, pensati non solo come dedicati alla performance, ma per generare nuovi punti di vista; questo diventa possibile con personalità appartenenti ad ambiti disciplinari differenti, per offrire al pubblico una prima possibilità di dialogo, da postare e ri-postare sia off che online sui canali di Romaeuropa.


per insegnanti e studenti

ROMAEUROPA FESTIVAL/DESTINAZIONE SCUOLA
Romaeuropa Festival/Destinazione Scuola è un percorso ideato in particolare per insegnanti e studenti delle scuole superiori e universitari di Roma da Romaeuropa Festival e la Casa dello Spettatore in collaborazione con il Teatro dell’Orologio. A quattro gruppi di studenti, gruppi classe o gruppi interclasse ciascuno formato da venticinque componenti, saranno proposti percorsi di spettacoli selezionati per temi d’interesse, la cui visione sarà curata, prima durante e dopo, da un mediatore della Casa dello Spettatore al fine di offrire, in una modalità d’incontro strutturata e profonda, il nuovo del teatro agli sguardi nuovi della nostra società.
> Per maggiori info

per gli spettatori di domani #under25

DOMINO
Domino è un meccanismo narrativo diffuso, ideato da Dynamis per Romaeuropa Festival 2016 come contributo al progetto europeo Invisible Cities, indagine trasversale allo spettacolo The Kindly Ones di Guy Cassiers. Il movente è raccogliere le differenti identità della città e provocare le possibili connessioni fra gli individui che ne fanno parte. Il risultato è un racconto corale creato dagli stessi abitanti e veicolato da un messaggero che, come un media ‘dynamico’, è tramite e custode del messaggio. Il gioco s’irradia, implementandosi di persona in persona, componendosi come le tessere del domino: ogni ricevente/mittente è un tassello e motore della reazione a catena. Roma è il tabellone da gioco, lo spazio delle possibili relazioni e delle conseguenti narrazioni, dove produrre tracce identitarie connesse. Domino è una mappa aperta a tutti, un insieme di storie da implementare, comporre e ricomporre anche sulla piattaforma web.
> Numero partecipanti: max 15 | Età: under25  | dynamisteatro.it | invisible-cities.eu

SPRING ROLL
«…non ho scelto il mio nome, non ho scelto la mia scuola, non ho scelto i miei primi vestiti, non ho scelto il mio primo sport, non ho scelto la mia casa, non ho scelto la mia famiglia (…)»
Spring Roll è un progetto di formazione di teatro fisico e danza per ragazzi tra i 15 ed i 18 anni ideato dalla C&C Company/Chiara Taviani e Carlo Massari che s’ispira all’opera di Stravinskij La sagra della primavera. Pensato e ideato come percorso formativo per adolescenti, tratterà con un linguaggio coreografico fisico e verbale il tema delicato del bullismo e dell’adolescenza. Il progetto nasce in collaborazione e sinergia con Carrozzerie | n.o.t dove il laboratorio verrà interamente condotto. Il 5 novembre alle ore 18:00 presso Carrozzerie | n.o.t si terrà la dimostrazione finale del laboratorio.
> Ingresso libero con tessera associativa € 3 | Numero partecipanti: max 15 | Età: tra 15 e 18 anni.

ANTENNE
Le antenne del REf16 sono 2 ragazzi sotto i vent’anni, un ragazzo e una ragazza, incuriositi dal teatro e che abbiano voglia di fare un esperimento: assistere a titolo gratuito agli spettacoli e ad alcuni momenti dell’organizzazione del Festival e riportare le impressioni ed emozioni intercettate attraverso il social network con cui si esprimono di più.
> Le caratteristiche richieste: essere curiosi e Under20

per professionisti della danza, del teatro e delle arti

DANZOGRAFIE
Seguendo il programma Romaeuropa Festival dedicato alla danza contemporanea, un gruppo di studenti dell’Accademia Nazionale di Danza e dell’Università di Roma La Sapienza parteciperà a una serie d’incontri teorico-pratici di approfondimento condotti da Gaia Clotilde Chernetich, studiosa e giornalista di danza. Alla visione degli spettacoli sarà affiancato un tempo dedicato all’analisi e alla riflessione sulla coreografia contemporanea che coinvolgerà gli studenti anche attraverso workshop  e incontri tematici con gli artisti. Il percorso formativo si svolgerà presso gli spazi dell’Opificio Romaeuropa e dell’Accademia Nazionale. Durante il percorso la visione, lo studio e la pratica  saranno narrati e supportati dall’utilizzo dei social media e in particolare dal canale Telegram Danzografie dedicato, dove gli studenti potranno condividere le proprie riflessioni e il pubblico potrà seguire gli appunti, le immagini e le reazioni estemporanee dei partecipanti al laboratorio.
> vai al Programma

DNA VISIONI
DNA VISIONI è un progetto avviato tre anni fa da quattro insegnanti di quattro scuole di danza romane: Diana Damiani per Filomarino Lidia/Incontrotempo Asd, Maria Grazia Grosso per Ali Danza, Chiara Ossicini per Choronde, Ketty Russo per il Liceo Coreutico Giovanni Paolo II di Ostia, in collaborazione con il Romaeuropa Festival che, attraverso lo sguardo sulle proposte della sezione DNA e, da quest’anno, anche sui lavori di alcuni dei coreografi più famosi presenti nel programma del Festival, si propone di riflettere sui contenuti artistici degli spettacoli oggetto di visione e sulle tecniche corporee usate dai singoli autori per tradurli. Il percorso formativo terminerà con un laboratorio pratico, curato ad otto mani, caratterizzato dalle peculiarità compositive e di movimento emerse dalle visioni.

LET’S DANCE
Grazie alla presenza a Romaeuropa Festival dei principali protagonisti della danza contemporanea, ogni anno si avviano esclusive ‘masterclass’ in collaborazione con due delle realtà romane di formazione per danzatori più importanti: il Balletto di Roma e il D.A.F. Dance Arts Faculty.
Quest’anno tra gli artisti che entreranno negli spazi delle scuole e che metteranno la propria professionalità a disposizione dei danzatori che parteciperanno alle lezioni ci sono: Hofesh Shechter, Emio Greco, Anne Teresa De Keersmaeker, Wim Vandekeybus, Jan Martens e Ann Van Den Broek. Un’occasione unica di lavoro con coreografi di rilievo internazionale che sarà accompagnata dal momento di visione dello spettacolo che gli artisti, con i quali si è lavorato da vicino, presenteranno al Romaeuropa Festival 2016. Un vedere per fare che crediamo sia sempre più indispensabile per chi oggi decide d’avvicinarsi o è già all’interno del mondo della danza contemporanea.
> vai al Programma

IN DRAMA
Progetto legato alla scrittura e al testo drammaturgico in collaborazione con la scuola di Teatro Azione. In Drama è un percorso di studio sulla parola resa immagine rivolto agli studenti  della scuola che saranno accompagnati alla visione delle opere teatrali presentate durante il Romaeuropa Festival 2016, dal testo dell’opera all’incontro con l’autore. Gli artisti e i testi coinvolti saranno quelli di: Guy Cassiers, Forced Entertainment e Deflorian/Tagliarini.

AL VIVO
‘Al vivo’ è un termine tecnico significante che un’immagine, o un colore, si estende fino al bordo di un foglio stampato, senza interspazi bianchi. In collaborazione con il percorso d’illustrazione e fotografia dello IED – Istituto Europeo di Design di Roma, verrà chiesto agli studenti dei due percorsi di formazione d’immergersi ‘dal vivo’ nell’atmosfera del Festival e osservare, catturare e interpretare attraverso la loro tecnica il mondo Romaeuropa. Gli studenti saranno coordinati da un referente del festival per conoscere a quali appuntamenti potranno assistere gratuitamente e saranno seguiti dai loro insegnanti per la fase di editing e costruzione dello storytelling.
> Il processo creativo degli studenti sarà consultabile sulla pagina dedicata di romaeuropa.net

DANZAEFFEBI MEETS REF16 – CALL PER 5 SPETTATORI
Dalla collaborazione tra Romaeuropa Festival e Danzaeffebi nasce un percorso dedicato ad appassionati e conoscitori della danza. Cinque spettatori, scelti attraverso una Call, seguiranno la danza del Ref in tutte le sue sfumature: spettacoli, incontri di formazione, osservazione degli artisti durante i workshop. Non ci sono vincoli di età né è richiesto un particolare background, ma un interesse e una conoscenza del mondo della danza unite alla voglia di condividere il proprio punto di vista. I partecipanti documenteranno gli appuntamenti a cui prenderanno parte dando vita a un racconto emotivo del festival. Gli elaborati, articoli e commenti che verranno prodotti, saranno pubblicati nella sezione “La penna dello spettatore” di Danzaeffebi.
> vai alla Call

per futuri storyteller digitali

TEATRO E CRITICA LAB
La redazione di Teatro e Critica propone un progetto di redazione temporanea durante il Romaeuropa Festival 2016. Lo scopo è offrire al pubblico del festival uno strumento di informazione e approfondimento sui vari linguaggi (teatro, danza, musica, arti visive, circo contemporaneo), attraverso  gli occhi di un gruppo di lavoro attivo e reattivo, in grado di tramutare in uno storytelling ragionato le suggestioni emanate dall’offerta artistica. In quest’edizione speciale di Teatro e Critica LAB desideriamo sperimentare un nuovo modello, che unisca la visione e il lavoro di gruppo con una dimensione formativa rispetto ai linguaggi del giornalismo culturale, declinando dunque i contenuti sui vari formati utilizzati dal racconto critico: recensioni, interviste, riflessioni, feedback estemporanei, connessioni tra le varie arti.
> Numero partecipanti: 15 | Età: over 25
> vai alla Call

per tutto il pubblico

WARMING UP
Attraverso il progetto WARMING UP il pubblico ha l’opportunità di ‘scaldarsi’ prima della visione dello spettacolo, con la guida d’eccezione dei coreografi più giovani del festival, e di fare esperienza concreta del linguaggio coreografico contemporaneo. Un’ora prima dello spettacolo, in 30 minuti, i coreografi insegneranno una frase coreografica al pubblico aiutandolo ad entrare nel proprio pensiero coreografico e nella dimensione esperienziale utile alla fruizione.

Yasmine Hugonnet | 3 novembre h 19 | Teatro India
Christos Papadopoulos | 4 novembre h 18 | Teatro India
Lali Ayguadé | 4 novembre h 20 | Teatro India

Maggiori info sui progetti via promozione@romaeuropa.net