ARTIFICIEL/ALEXANDER BURTON – Impacts

ARTIFICIEL/ALEXANDER BURTON – Impacts

Istallazione 2012 al PHI Center in collaborazione con DHC/ART. Collaboratori: Steve Klec (teslacoils); Samuel St-Aubin (electronics).

Impacts di Alexandre Burton si presenta come una serie di sculture, ognuna di esse composta da una lastra di vetro e da una bobina Tesla sospese sul soffitto del luogo espositivo. Per attivare e sperimentare i diversi aspetti di questa installazione visiva e sonora, i visitatori sono invitati ad approssimarsi alle sculture. Questa prossimità provoca degli archi di luce di intensità variabile e una successione di creazione ritmiche che vengono generati dalle interazioni dell’elettricità con la lastra di vetro. Impacts è un opera che ci invita alla riflessione sulla potenza e pericolosità della forze elettromagnetiche ,mettendo tuttavia l’accento sulla sua bellezza sublime e il suo potenziale ritmico che viene espresso attraverso l’interazione con lo spettatore.

Alexandre Burton è un compositore e artista digitale. I suoi lavori sono presentati sia in ambito musicale che in quello espositivo. Il suo interesse per le nuove tecnologie deriva dalla volontà di rivelare nuove forme espressive attraverso processi digitali. Mettendo in forte contatto l’hardware e il software, il suo lavoro artistico è il risultato del tentativo di pensare oltre il media, un luogo dove suono, immagini e processi possano coabitare e rispondersi l’un l’altro in un confronto continuo.