BABILONIA TEATRI

BABILONIA TEATRI

26 e 27 gennaio
h20.30
domenica h17

UN PROGETTO DI BABILONIA TEATRI E GLI AMICI DI LUCA

Pinocchio, la nuova peripezia di Babilonia Teatri, è uno spettacolo che parla della vita che si risveglia dal coma, portandone in scena i segni, le debolezze, la forza, le durezze e i suoi protagonisti, con il loro dolore a anche la loro inaspettata e liberatoria comicità.
Conosciuti per il loro teatro dai tratti crudi e iperrealisti, le loro opere create attraverso elaborati collage di testi presi da giornali, dialoghi colti per strada, televisione, radio, i “babilonesi” Valeria Raimondi ed Enrico Castellani stavolta non solo si confrontano con il reale ma lo portano dentro al teatro e lo offrono direttamente al pubblico: Pinocchio è infatti realizzato con gli Amici di Luca, associazione teatrale formata da persone uscite dal coma, che si auto rappresenteranno in scena.
Lo spettacolo nasce dalla semplice domanda che Castellani e Raimondi hanno rivolto ai membri dell’Associazione: «Perché fate teatro?» La risposta è stata: «La società ci ha respinti, accantonati, isolati, fare teatro è l’unica possibilità per tornare a mettere un piede dentro la società».
E dunque, fuori da ogni copione Pinocchio si articola sulle trame del vissuto di queste persone, attori non attori come li definisce Castellani, che dalla postazione audio con la sua voce fuori campo senza paure o falsi pudori li stimola con domande talvolta ironiche e magari poco riguardose. In filigrana ci sono Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, con la marionetta legnosa che diventa un ciuchino e poi perfino un bambino: emblema della trasformazione anche dolorosa, Pinocchio alla fine della prima parte del libro cade anche lui in uno strano stato di coma, tra il grillo parlante, magari rappresentato dalla voce fuori campo, il paese dei balocchi e Lucignolo.
In questo lavoro i babilonesi non rinunciano alla loro cifra, tanto che tra le numerose esperienze teatrali che si realizzano nell’universo del disagio, l’originalità di Pinocchio consiste probabilmente nell’aver scansato ogni forma di pietismo, vero o falso che sia, puntando con uno stile crudo e asciutto a una più profonda comprensione.

di Valeria Raimondi ed Enrico Castellani
con con Enrico Castellani, Paolo Facchini, Luigi Ferrarini, Riccardo Sielli e Luca Scotton
collaborazione artistica Stefano Masotti e Vincenzo Todesco
scene, luci e audio Babilonia Teatri
nuova produzione anteprima 7 ottobre 2012, 14° edizione della Giornata nazionale dei Risvegli per la ricerca sul coma, Bologna
debutto 8 dicembre 2012 Teatro Storchi, Modena