PROMOZIONE DANZA 2011

2011

La Fondazione Romaeuropa Ente di Promozione Danza nell’anno 2011 promuove, sostiene e diffonde la cultura della danza contemporanea italiana attraverso:

  • Attività di programmazione danza al Teatro Palladium.
  • Attività di programmazione e scouting di giovani ed emergenti coreografi italiani con DNA danza nazionale autoriale nell’ambito del Romaeuropa Festival.
  • Attività di networking.
  • Attività di formazione con iriDico, Visioni Coreografiche e DNAmovement.
  • Attività di potenziamento dell’Archivio Storico della Fondazione Romaeuropa con il progetto archivioINmovimento.

Nel 2011 la programmazione del Teatro Palladium presenta tre importanti appuntamenti con la matura danza d’autore italiana: il primo appuntamento è affidato alle giocose e fiabesche incursioni in movimento di Giorgio Rossi che anelano un legame visionario con le parole di Riondino e le note di Mirabassi snodandosi ironicamente nell’immaginifico Animalie. Il secondo appuntamento nasce dalla presenza di un corpo, quello di Raffaella Giordano nello stare e nell’agire senza parola, dalla duplice valenza, terrena e ultraterrena, nell’affresco simbolico, onirico e non narrativo di Caino del Teatro Valdoca. Il terzo appuntamento presenta le evanescenti visioni di Tristi Tropici opera concetto-antropologica di Virgilio Sieni liberamente tratta dall’omonimo testo di Claude Lévi-Strauss.

Nel 2011 DNA danza nazionale autoriale, presenta attraverso un lavoro in networking, giovani ed emergenti coreografi italiani. La seconda edizione di DNA rafforza la peculiarità della prima edizione: la struttura combinata di performance più analisi del movimento. L’analisi del movimento affidata allo stesso coreografo-interprete, coadiuvata da Stefano Tomassini, rappresenta un momento di svelamento dei processi coreografici e dunque un momento conoscitivo e formativo al tempo stesso. Inoltre la seconda edizione di DNA declina questo formato alle generazioni di mezzo, quelle generazioni che sono poco più che emergenti, poco meno che consolidate, nell’ottica di un sostegno a tutto tondo. Ospiti di DNA 2011 sono i coreografi Francesca Foscarini con Kalsh, Marco D’Agostin con Viola, Francesca Pennini| CollettivO Cinetico con Titolo Futuribile, Daniele Albanese| Compagnia Stalk con annoTtazioni, Caterina Inesi | Immobile paziente con Ten Thousand Leaves, Michele Di Stefano, Sonia Brunelli, Cristina Rizzo con Instructions series, gli operatori Roberto Casarotto, Rosa Scapin, Marino Pedroni, Selina Bassini, Massimo Carosi.

L’Ente di Promozione Danza, nel 2011, sviluppa attività di networking oltre che con il Premio GD’A e Operaestate Festival/B.Motion, anche con il CORE Coordinamento Regionale Danzatori del Lazio e il Festival Teatri di Vetro che insieme organizzano il Convegno Paesaggio Performativo, ospitato negli spazi dell’allora Opificio Telecom Italia. Intervengono Donatella Bertozzi, Susanne Franco, Stefano Tomassini, Attilio Scarpellini, Roberto Ciancarelli, Paolo Ruffini, Carlo Infante, Chiara Frigo, Michele Di Stefano, Cristina Rizzo, Francesca Pennini, Marco D’Agostin, Roberto Casarotto, Gemma di Tullio, Roberta Scaglione, Danila Blasi e Cecilia D’Elia. Il Convegno parte dalla riflessione sull’esperienza della danza di ricerca in Italia dalla fine degli anni novanta a oggi, intrecciando il punto di vista di artisti, studiosi, critici, operatori e politici, nella volontà di giungere a nuove epifanie di pensiero. L’Ente di Promozione Danza, in occasione del focus Corpi Resistenti nell’ambito del Romaeuropa Festival 2011, organizza a seguire della real time video performance di Selma e Sofiane Ouissi, il talk “che ruolo per gli artisti della primavera araba?” .

L’Ente di Promozione Danza, convinto sostenitore che la danza contemporanea produca conoscenza, la incoraggia con una sperimentale attività di formazione attraverso iriDico progetto di alta formazione destinato a quindici studenti, provenienti dall’Università La Sapienza e Roma TRE con la partecipazione di Valentina Valentini, Concetta Lo Iacono, Donatella Bertozzi, Michele Di Stefano; Visioni Coreografiche progetto di analisi critica per gli studenti dell’Università La Sapienza con Anna Lea Antolini; DNAmovement progetto pratico destinato a giovani danzatori con il laboratorio outdoor di e con Michele di Stefano presso il Duncan 3.0.

L’Ente di Promozione Danza nel 2011 persegue l’idea di un archivio digitale che diventi un prezioso strumento di conoscenza e di approfondimento per studenti e studiosi, critici e curiosi. In quest’ottica nasce e si colloca il progetto archivioINmovimento.