Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Taoufiq Izeddiou
Anania-Danses

Botero en Orient


I personaggi dipinti dal pittore e scultore colombiano Fernando Botero sono celebri per le loro forme opulente, fuori dai classici canoni della bellezza. Ma cosa accade se quei corpi iniziano ad esprimersi attraverso la danza? Il coreografo di origini marocchine Taoufiq Izeddiou si è posto questa domanda insieme alla sua compagnia Anania-Danses per dare vita a Botero En Orient. Quattro corpi in scena si abbandonano alle loro curve, liberati dai diktat imposti nella società e dalle stesse discipline coreutiche. Con la voce della cantante Fatima Ezzahra Nadifi e le parole del pittore e poeta libanese Etel Adna che trasforma la dipendenza dal cibo in una metafora della guerra, Tizeddiou usa il corpo e il suo complesso apparato culturale e simbolico in medio-oriente per mettere in discussione gli standard e le cornici dentro le quali siamo quotidianamente giudicati.

Bio

Nato in Marocco e oggi residente in Aix-en-Provence, Taoufiq Izeddiou è coreografo, insegnante e direttore artistico della compagnia Anania-Danses e del festival di Marrakech “On marche”. Guidato dalle sue esperienze in Africa e in Europa, crea performance che esplorano le tensioni tra tradizione e modernità, l’individuo e la comunità, cercando nuove interpretazioni per la danza. Izeddiou ha studiato architettura e ha praticato la box e il teatro prima di scoprire la sua passione per la danza contemporanea. Ha descritto il suo percorso di formazione come selvaggio. Bernardo Montet lo ha introdotto alla ascena professionale nel 1997 e negli anni successivi ha condiviso con lui l’esplorazione delle proprie origini e della propria identità. Nel 2000, parallelamente alla sua carriera da danzatore professionista svolta principalmente al Centre Chorégraphique National, Taoufiq Izeddiou ha prodotto la sua prima coreografia e, dato il suo successo nel 2001 ha fondato la compagnia Anania, prima compagnia di danza contemporanea in Marocco. Insegnante appassionato e desideroso di trasmettere le sue abilità, ha organizzato il primo programma di formazione alla danza contemporanea in Marocco, al Mokhtabar, da cui provengono diversi danzatori della sua compagnia. Nel 2007 ha ottenuto il diploma di danza contemporanea in Francia. Dopo Cœur sans corps, Clandestins CSC, Déserts désirs, 100 pas presque, Aataba, Aaléef, Rev’Illusion ed En Alerte presenta le sue ultime creazioni nei maggiori teatri internazionali. Tra queste Botero en Orient, spettacolo creato nel 2019. I suoi spettacoli sono stati messi in scena in Africa, Medio Oriente, Europa, America Latina e Nord America in occasione di eventi tra cui Danse d’Afrique Danse!, Montpellier Danse, Kunstenfestivaldesarts, Charleroi Danse, Festival de Marseille, HAU Hebbel am Ufer à Berlin, Rencontres chorégraphiques internationales de Seine-Saint-Denis, Tanzquartier Wien, e TransAmériques in Canada. Nel 2005 ha fondato il Festival On Marche, che dirige ancora oggi. Ha recentemente lanciato Nafass (respiro), la prima scuola di coreografia a Marrakech, e sarà direttore artistico della Biennale Danza in Africa, prevista per il 2020 con un comitato artistico composto da coreografi africani.

Crediti

Creato il 20.02.2019 a Le Tarmac, Paris

Ideazione e coreografia: Taoufiq Izeddiou

Interpreti: Essiane Kaïsha, Karine Girard, Marouane Mezouar, Taoufiq Izeddiou

Canto registrato: Fatima Ezzahra Nadifi

Documentazione drammaturgica: Nedjma Hadj Benchelabi

Crazione luci: Lea Schneidermann

Creazione suono: Said Ait El Moumen, Taoufiq Izeddiou

Creazione costumi: Team artistico creativo

Testo estratto da: “Au cœur du cœur d’un autre pays?/?In the heart of the heart of another country”

Per gentile concessione dell’autore Etel Adnan

Produzione: Anania-Danses, Taoufiq Izeddiou

Coproduzione: Festival de Marseille – danse et arts multiples, Théâtre National Wallonie-Bruxelles, HAU Hebbel am Ufer (Berlino), C’est Central (La Louvière), Arab Arts Focus con l’aiuto di Studio Emad Eddin Stiftelsen e della Fondation Ford (Il Cairo), Le Pôle Arts de la Scène (Marsiglia), Direction Régionale des Affaires Culturelles (DRAC), Région Provence-Alpes-Côte d’Azur (PACA), Centre chorégraphique national de Franche-Comté à Belfort- Via Danse, Théâtre du Bois de l’Aune- Aix en Provence, L’uZine (Casablanca). Realizzato in Co-laBo (Gand)

Con il sostegno di: Wallonie-Bruxelles International,

Ringraziamenti: La compagnia del ballets C de la B, Radio 2 Oost Vlaanderen, la Délégation générale Wallonie-Bruxelles à Rabat, l’Institut français di Marrakech e Nourredine Amir.

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.