Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Carl Davis


Nato a Brooklyn nel 1936, ha studiato composizione con Paul Nordoff e Hugo Kauder e in seguito con Per Noorgard a Copenaghen. I primi riconoscimenti della critica arrivano con la rivista Diversions, presentata al Festival di Edimburgo, così la sua fama si lega da subito al mondo dello spettacolo: teatro, cinema, televisione, danza, saranno infatti i terreni sui quali il musicista eserciterà nel modo più felice la sua vena creativa, raccogliendo consensi straordinari.
Dopo aver lavorato sul palcoscenico con attori del calibro di John Gielgud e Laurence Olivier, compone per compagnie inglesi come la Royal Shakespeare Company ed il Sadlers Wells Royal Ballet, ma il suo nome si lega nel tempo soprattutto ad alcune colonne sonore per il cinema: La donna del tenente francese (1981, di Karel Reisz), Champions (1983, di John Irvin), Scandal (1988, di Michael Caton-Jones), The Rainbow (1989, di Ken Russell), Frankenstein Unbound (1990, di Roger Corman), fino al più recente Topsy-Turvy (1999, di Mike Leigh).
Il rapporto di Davis con il cinema raggiunge tuttavia i suoi livelli più alti nella creazione da parte del compositore di nuovi accompagnamenti per i classici del muto, esperienza iniziata nel 1980 con il Napoleon di Gance nella versione restaurata da Kevin Brownlow, la cui eco sensazionale porterà a nuove esecuzioni orchestrali anche nel 2000 e nel 2004. Seguiranno le partiture (circa cinquanta in tutto negli ultimi venti anni) per i restauri di capolavori come Ben Hur di Niblo, Intolerance di Griffith, Rapacità di Stroheim, La Folla di King Vidor, spesso accompagnate da lunghe tournée internazionali con la London Philharmonic Orchestra.
Dal 1993 e per ben otto stagioni è alla guida della Royal Liverpool Philharmonic Orchestra, che aveva già diretto nel 1991 in occasione dei festeggiamenti per i 150 anni della formazione, celebrati con l’esecuzione del Paul McCartney’s Liverpool Oratorio, scritto da Davis a quattro mani con l’ex-Beatle.
La sua discografia è vastissima e comprende, oltre i lavori per il cinema, le partiture per la televisione (tra cui quella per la fortunatissima serie televisiva inglese del 1995 tratta da “Pride and Prejudice”) e quelle per il balletto, al servizio di compagnie inglesi come il Northern Ballet Theatre (A Simple Man, A Christmas Carol), l’English National Ballet (Alice in Wonderland) e The Scottish Ballet (Aladdin).
Nel 2003 è stato insignito di un premio BAFTA alla carriera per le sue colonne sonore per cinema e televisione.

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.