Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Coro delle voci bianche dell’Arcum


Fondato nel 1973 da Paolo Lucci, è composto da 60 ragazzi non selezionati provenienti da varie scuole romane. Esegue prevalentemente musica di autori moderni e contemporanei, spesso in prima esecuzione. Compositori come Barbara Giuranna, Arnaldo Boreggi, Ennio Morricone e Gian Luca Tocchi hanno scritto appositamente per questo complesso corale.
Il suo repertorio conta l’opera omnia per voci bianche di Benjamin Britten.
L’attività del Coro è piuttosto copiosa, ed accanto alle storiche ed assidue collaborazioni con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, si annoverano quelle con la Rai, il Teatro dell’Opera, il Festival dei Due Mondi, sotto la guida di direttori quali Bernstein, Prêtre, Sawallisch, nonché la partecipazione a numerose trasmissioni radiofoniche e cinematografiche e l’incisione per diverse case discografiche.
Tra i riconoscimenti, il Coro ha ottenuto per due volte il premio dal Concorso Polifonico Internazionale Guido D’Arezzo.
Tra i suoi ultimi impegni si contano l’esecuzione, sotto la direzione di Yutaka Sado, di musiche di Haydn e Bernstein in collaborazione con l’Orchestra e Coro dell’Accademia di S. Cecilia (2000); la registrazione di Your song (2002) su progetto di Elthon John e Alessandro Safina – CD i cui proventi sono destinati ad associazioni benefiche -; la partecipazione all’allestimento di Suor Angelica di Giacomo Puccini (per la regia di Roberto De Francesco) accanto all’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma diretta da Gianluigi Gelmetti; la registrazione dell’Album di Andrea Boccelli, insieme all’Orchestra dell’Accademia di S. Cecilia, diretta da Myung Whun Chung (2003); ed infine la partecipazione sotto la direzione di Bruno Bartoletti all’allestimento de L’assassinio nella cattedrale, al fianco dell’Orchestra del Teatro dell’Opera.

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.