fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Eclettico Ensemble


L’idea dell’Eclettico Ensemble nasce dall’esigenza di trovare nuove possibilità espressive nell’ottica nel modo di fare musica da camera. Animatore del gruppo è Paolo Ravaglia, titolare della cattedra di clarinetto al Conservatorio Frescobaldi di Ferrara. Vincitore di audizioni e concorsi intemazionali, si dedica alla ricerca musicologica e collabora, in qualità di ricercatore e relatore, con numerose istituzioni tra cui l’Istituto di Ricerca sul Teatro Musicale, la Fondazione Italiana per la Musica Antica, l’Associazione Romana Amici della Musica, Nuova Consonanza, l’Associazione Recercare, per lo sviluppo di attività di ricerca musicologica. Tiene lezioni-concerto e organizza conferenze-ascolto sull’evoluzione delle ance semplici dalla tradizione popolare alla musica colta. Parallelamente svolge attività di ricerca sull’origine e lo sviluppo del suo strumento proponendo un particolare repertorio per chalumeaux e clarinetti antichi, con l’ausilio di copie di strumenti d’epoca. Attivo nel campo della musica contemporanea, è ospite diimportanti istituzioni concertistiche e festival intemazionali. In qualità di relatore e interprete delle opere eseguite, Paolo Ravaglia ha al suo attivo diffusioni radiofoniche e televisive in numerose nazioni. L’organico strumentale dell’Eclettico Ensemble, dal trio al coro di clarinetti, permette di esplorare in maniera esauriente le potenzialità timbriche e dinamiche del clarinetto, valorizzato dall’ apporto dei più disparati strumenti musicali come supporto al complesso o come solisti (ottoni, chitarra elettrica, voce, percussioni, tutti perfettamente integrati nell’insieme strumentale). L’Eclettico Ensemble si rivolge ai contemporanei e, nel contempo, rivisita i classici, trascrivendoli talvolta con un po’ di irriverenza. Nei suoi multiformi organici, partecipa a trasmissioni radiofoniche della Rai, alle rassegne Freon e Nuova Musica Italiana e registra per la Edipan. Lavora con William O. Smith per la realizzazione di performances di musica contemporanea, in collaborazione con l’American University of Rome.