fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Giacomo Manzoni


Nato a Milano nel 1932, Giacomo Manzoni inizia gli studi di composizione nel 1948 a Messina sotto la guida di Gino Contilli, proseguendoli dal 1950 al ’56 presso il Conservatorio di Milano, dove riesce anche a laurearsi in lingue e letterature straniere presso l’università Bocconi.
Attivo inizialmente come strumentista d’orchestra e maestro del coro, scrive sulla rivista di musica nuova “Il Diapason” e su “l’Unità”, iniziando nel 1962 ad insegnare armonia e contrappunto presso lo stesso Conservatorio di Milano. Figura chiave dell’avanguardia italiana, profondamente legato a un impegno ideologico che lo accomuna ad un altro grande maestro, Luigi Nono, Manzoni è partito nella sua ricerca dalla serialità più rigorosa, per approdare ad uno stile compositivo più libero ed espressivo: tra le sue opere più significative si ricordano i lavori teatrali La sentenza (Bergamo 1960, Teatro delle Novità), Atomtod (Milano 1965, Piccola Scala) e Per Massimiliano Robespierre (Bologna 1975, Teatro Comunale); le composizioni per orchestra come Ombre (1968, alla memoria di Che Guevara), Parole da Beckett (1971), Insiemi (1967), Modulor (per quattro orchestre, eseguito per la prima volta alla Biennale di Venezia nel 1979), Masse: omaggio a Edgard Varèse (1977), Doktor Faustus – Scene dal romanzo di Thomas Mann (Milano 1989, Teatro Alla Scala); infine, la musica da camera, con brani quali Piccola suite (1952-55), Musica notturna (1966), Quadruplum (1968), Hölderlin: Epilogo (1980), Musica per Pontormo (1995).
Critico e storico della musica di grande levatura, Manzoni ha fatto parte della redazione prima del Dizionario e poi dell’Enciclopedia della musica (1964) editi da Ricordi, curando inoltre per Einaudi la traduzione della Filosofia della musica moderna (Torino, 1959) e per Feltrinelli quella di Dissonanze (Milano, 1959), entrambi di Adorno, nonché quella del Manuale di armonia di Schönberg (Milano, 1963) per il Saggiatore.
Redattore della rivista “Musica/Realtà”, ha pubblicato un’ampia selezione di suoi saggi e articoli nei due volumi Scritti, presso Nuova Italia, e Tradizione e utopia, presso Feltrinelli.