fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Max Roach


con Bill T. Jones: Serious Fun, Too (1995)
Classe 1924, uno dei protagonisti della storia del jazz, è esecutore, compositore, musicologo e docente. Per Max Roach la batteria americana è il simbolo della diversità culturale di quel paese. I piatti provengono dal Medio Oriente, i tamburi laterali sono simili a quelli degli africani e dei neri americani, il rullante e la grancassa provengono dalla tradizione della World Music. Negli anni Quaranta inizia il percorso di sperimentazione be-bop insieme a Dizzy Gillespie, Charlie Parker, Oscar Pettiford, Coleman Hawkins, Thelonious Monk. La sua prima apparizione in teatro risale al 1942, quando a 18 anni viene chiamato a sostituire Sonny Greer con l’Orchestra di Duke Ellington al Paramount Theatre di New York. Nel 1953 è uno dei protagonisti del Massey Hall Concert di Toronto, l’unica volta in cui Charlie Parker, Bud Powell, Charles Mingus, Dizzy Gillespie e Max Roach si ritrovano sullo stesso palcoscenico. Pochi anni dopo, al fianco di Miles Davis, realizza le prime incisioni di cool jazz, in una formazione orchestrale che comprende artisti come Gerry Mulligan, John Lewis, Lee Konitz. Alla metà degli anni ’50 è fra gli animatori di un nuovo movimento, l’hard bop, con il Max Roach-Clifford Brown Quintet, uno dei complessi dominanti di quel periodo. Si interessa al ruolo della musica come mezzo per affrontare i problemi sociali: nel ’58 partecipa come batterista alla realizzazione Freedom now suite, scritta e interpretata dal sassofonista Sonny Rollins. Due anni dopo ripete lo stesso progetto ma nei panni del leader, con We insist! Freedom now suite. Negli anni ’60 suona con il sassofonista Archie Shepp, il pianista Cecil Taylor, il multistrumentista Anthony Braxton. Partecipa alla composizione di colonne sonore per film e pièce teatrali e crea diverse formazioni che porta anche in tournée, come l’Uptown String Quartet, un quartetto d’archi nel quale milita la figlia Maxine, e un organico tutto di percussionisti, M’Boom, che si richiama insieme al jazz, alla musica africana e alla musica etnica. Nel 1982 la stazione radio della Columbia University trasmette in omaggio a Max Roach un programma di 200 ore della sua musica. Membro della MacArthur Foundation e Commendatore dell’Ordine delle Arti e delle Lettere in Francia, Roach vince per due volte il Grand Prix du Disque francese e riceve il Premio della Critica discografica italiana.
Tiene lezioni, seminari e dimostrazioni negli Stati Uniti, in Europa e in Asia. Dal 1973 è professore presso il Dipartimento di Musica e Danza dell’Università del Massachussets e dagli anni ’90 è impeganto nella realizzazione della Max Roach School of the Arts, un centro per le arti con sede a Brooklyn, dove prosegue il lavoro svolto in tanti anni nel campo dell’istruzione. Al di fuori della scena jazz collabora con artisti come Bill T. Jones, con il quale realizza lo spettacolo Serious Fun, Too.