Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Teatro Tascabile di Bergamo – Renzo Vescovi


Nato con questo nome già negli anni sessanta, ma con un taglio semiprofessionale, il Teatro Tascabile di Bergamo viene rifondato nel 1973 da Renzo Vescovi, che mette insieme diversi attori senza precedenti esperienze teatrali e permette loro di costruire la propria tecnica nel tempo sulle suggestioni del teatro laboratorio di Grotowski. Il debito più grande contratto dalla compagnia è però quello con l’Odin Teatret di Eugenio Barba e con il teatro-danza asiatico, soprattutto indiano e balinese, che lo spinge, a partire dal 1977, a lavorare con grandi maestri orientali e a fondare l’Istituto di Cultura Scenica Orientale (IXO): l’istituto è tuttora presente a livello scientifico nazionale e internazionale con relazioni, seminari, convegni, atelier, pubblicazioni, film e una biblioteca-videoteca, specializzata sull’arte dell’attore e sull’antropologia teatrale, che ha pochi uguali in Italia e in Europa. Già da L’amor comenza (1973), un’antologia di testi tardomedioevali inframmezzata di canti, danze e giochi acrobatici, la produzione del Teatro Tascabile riscuote notevoli consensi, rinnovati da spettacoli come Invito alla festa (1977), Albatri (1977), Storie dal Mahabharata (1991), La saga di Peer Gynt (1995), Amor sacro, amor profano (1995), Il velo di Maya (1996), Il Principe dei gigli (1997), Dei demoni ed eroi (1997), Mythos (1998), Pierino e il lupo (1998), La danza di Shiva (1999), Quale un recamo di concertate pezzette (1999), Pagliuzze di volo (2000), Compagni (2000).
Tra i maggiori “teatri di gruppo” europei, il Teatro Tascabile ha collezionato in oltre trent’anni di attività ben 87 produzioni, più di 3000 repliche per oltre un milione di spettatori e numerose partecipazioni nei più importanti festival nazionali e internazionali, per un totale di 32 nazioni e 4 continenti.
Guida e fondatore del gruppo, nonché tra i maggiori esperti in Italia di teatro indiano, Renzo Vescovi è venuto a mancare nell’aprile del 2005: a lui sarà dedicato “Il Centro e la circonferenza”, festival internazionale di teatro, musica e danza organizzato dal Teatro Tascabile e ospitato a partire dal 2005 dalla città di Bergamo.

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.