fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Musicarussia


Evento
RECITAL DI POLINA SOSNOVA (pianoforte)
Musica
V. Gavrilin (Capriccio), J. Dandlo (Il treno), Dmitrij Shostakovich (L’organino)

RECITAL DI GALINA AVDONINA (pianoforte)
Musica Galina Avdonina (Canzone senza parole, Scherzo, Danza antica, La primavera, Il temporale, In montagna, Fanfaroni, Preludio, L’inseguimento)

RECITAL DI ILIA GAISSIN E FEDOR AMIROV (violino e pianoforte)
Musica Nikolaj Rimskij-Korsakov (Il volo del calabrone), Pëtr Il’ic Ciajkovskij (Canzone senza parole, Melodia, scherzo)

RECITAL DI SVETLANA SPIRIDONOVA E SVETLANA INKINA (mezzosoprano e pianoforte)
Musica Di sera venne da me, ragazza… (Canzone popolare russa), Nikolaj Rimskij-Korsakov (Non era il vento, Canzone di Lei da La ragazza delle nevi), Modest Petrovic Musorgskij (Aria di Marfa da Kovàncina)

RECITAL DI FEDOR AMIROV (pianoforte)
Musica Pëtr Il’ic Ciajkovskij (Pensiero-Dumka, Le stagioni: Canzone d’autunno, La mietitura), Sergej Rachmaninov (Due preludi, Etude-tableau op. 39), Sergej Prokof’ev (Sonata n.2)

Un concerto dedicato a cinque giovanissimi musicisti provenienti dalla Russia, che eseguono un programma in cui sono inclusi i più noti compositori della loro terra natale, da Ciajkovskij a Prokof’ev, da Shostakovich a Musorgskij. L’artista più “anziana” a salire sul palco di Villa Abamelek è la mezzosoprano Svetlana Spiridonova, con i suoi 22 anni ed una borsa di studio presso il Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, mentre la più giovane è la pianista prodigio Polina Sosnova, di soli sei anni, già conosciuta nella capitale per i diversi concerti tenuti. Ad esibirsi al loro fianco ci sono anche Ilia Gaissin, violinista, dodici anni e già al sesto anno del Conservatorio di Stato Ciajkovskij di Mosca, Fedor Amirov, quattordici anni e già concertista internazionale, nonché Galina Avdonina, nove anni, che ha il coraggio di proporre una selezione di brani propri, da una Canzone senza parole a L’inseguimento.
La serata ha mostrato, ancora una volta, le enormi potenzialità della scuola musicale russa, da secoli impegnata a produrre assoluti e precoci talenti interpretativi.