Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Hiroaki Umeda

Adapting for distortion; While going to a condition


Photo © Piero Tauro

Danza, arti visive, tecniche digitali, mimo. Innumerevoli potrebbero essere le definizioni adatte al mondo di Hiroaki Umeda: giovane e talentuoso folletto giapponese, oscillante tra diverse e spesso opposte dimensioni espressive contemporanee. Non si era mai interessato troppo alla danza prima dei vent’anni, scegliendo di frequentare i corsi di fotografia all’Università Nihon di Tokio. E danza e fotografia sono le tecniche alternative per fermare o scatenare il movimento. Nei suoi lavori, oltre alla coreografia, cura praticamente tutto: scene, luci, costumi e suono, mostrando una notevole destrezza nel saper sfruttare in maniera originale le tecnologie digitali. L’“atmosfera Umeda” si presenta dunque minimalista e radicale, depurata da ogni significato o pretesa narrativa e profondamente astratta. I suoi lavori si occupano della permanenza dell’umano nell’epoca del trionfo della tecnologia. While going to a condition del 2002 è una delle sue coreografie di maggiore successo che meglio rappresenta gli ossimori di Umeda: musica fatta di rumori danzanti, il silenzio opposto a questi rumori, la stasi contro il moto veloce, una scenografia di luce.

@ Foto Piero Tauro

Crediti

Coreografia e danza Hiroaki Umeda
Suono S20
Ideazione immagini Hiroaki Umeda, S20
Video S20, Bertrand Baudry
Produzione Le Studio/Le Manège – Scène Nationale Maubeuge, S20

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.