fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Iva Bittová

Bang On A Can All-Stars / Iva Bittová


Energica e sofisticata, virtuosistica e diretta, poetica e ironica: il fascino della musicalità di Iva Bittovà difficilmente lascia indifferenti. Dotata di uno strumento vocale duttile ed eterodosso, da una base classica l’artista morava ha fatto germogliare stimoli fortemente contemporanei, rock, popolari, jazz e bohémien: sollecitazioni le più disparate, che fanno blocco nel suo stile prettamente individuale. Il suo incontro con Bang on a Can era dunque nelle cose: l’ensemble newyorkese è sempre stato sensibile alle personalità innovative e, per così dire, di spiccata “artisticità”, che battano percorsi fuori dagli schemi. Ne è nato Elida, nove brani che hanno l’urgenza del racconto d’amore, rispecchiano le atmosfere della fiaba, si aprono in radure sonore, spiccano il volo verso fughe surreali e finiscono con l’agilità di un sospiro o di un bacio. Anche in questo secondo concerto la serata sarà aperta da alcuni brani di compositori per molti aspetti particolari: è il caso di Four Studies, di Conlon Nancarrow, il compositore statunitense scomparso nel 1997 e capace di fondere lo stile jazzistico primitivo nella polifonia con un’eleganza matematica; seguono Big Beautiful Dark & Scary di Julia Wolfe e Light is Calling di Michael Gordon – due dei fondatori di Bang on a Can–, e Stroking Piece # 1 di Thurston Moore, leader dei SonicYouth. Con Elida il pubblico italiano potrà conoscere la personalità di Bittovà che grazie alla raffinatezza da chansonnière, alla furia balcanica, alla passionalità slava e alla morbidezza delle filastrocche approda a prestazioni vocali che con grande fantasia artistica sembrano muoversi in tutte le direzioni. Una libertà raggiunta anche per la presenza di Bang on a Can, all’intesa con questi musicisti che alla disinvoltura dell’improvvisazione uniscono la puntualità di una partitura. E tuttavia non è questo l’unico motivo che rende le esibizioni dal vivo il modo migliore per apprezzare Elida: per quanto bizzarro possa sembrare Bittovà ha iniziato la sua carriera come attrice, e la sua presenza scenica è parte integrante del suo complesso talento, anche perchè non ha mai abbandonato la recitazione, tanto da guadagnarsi nel 2008 il premio di miglior attrice al Syracuse International Film Festival per la sua interpretazione in Little Girl Blue.

Crediti

voce Iva Bittovà
violoncello Victoria Bass
contrabasso Robert Black
percussioni David Cossin
chitarra elettrica Mark Stewart
piano Ning Yu
clarinetto Evan Ziporyn
tecnico del suono Andrew Cotton
produzione Bang on a Can

programma

Conlon Nancarrow: Four Studies
Julia Wolfe: Big Beautiful Dark & Scary
Michael Gordon: Light is Calling (film di Bill Morrison)
Thurston Moore: Stroking Piece #1
Iva Bittovà: Elida

  • Eco friendly

    Questo sito web consente al tuo schermo di consumare meno energia quando il computer resta inattivo o quando ti allontani. Uno sforzo globale per ridurre il consumo elettrico del pianeta e il livello di emissioni di CO2. Resume browsing
    Riprendere la navigazione