Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Muta Imago

Lev


Photo © Piero Tauro

Un uomo apre gli occhi. Si guarda intorno. C’è poca luce, non riesce a capire dove si trova. Attraversa lo spazio, conta i passi, si avvicina a una parete, in cerca di rumori. Appoggia l’orecchio al muro. Le luci esplodono, le pareti diventano mucchi di fango e tra le grida dei compagni e i fischi delle pallottole l’uomo si getta a terra.?E riprende a ricordare.?Il mondo intorno è un recinto di forme indecifrabili. Le regole con cui si muove la realtà sono sconosciute. Lo spazio e il tempo non scorrono più su linee prevedibili. I ricordi arrivano all’improvviso, all’improvviso scompaiono.?Solo, deve combattere. Per rimettere insieme i pezzi. Per riuscire ad uscirne fuori.

@ Foto Piero Tauro

Crediti

Ideazione Glen Blackhall, Riccardo Fazi, Claudia Sorace, Massimo Troncanetti
Regia Claudia Sorace
Drammaturgia/suono Riccardo Fazi

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.