fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

RADHOUANE EL MEDDEB

Je Danse Et Je Vous En Donne A Bouffer


Photo © Piero Tauro

La sensualità del corpo e della danza incontrano la sensualità del cibo e della sua preparazione in Je danse e je vous en donne à bouffer, un solo costruito intorno al couscous, creato e interpretato da Radhouane El Meddeb con eccitazione e carnalità per ritrovare e rivivere le sue radici tunisine sfiorando con ironia temi cari al nostro tempo come le diversità. Il titolo Danzo e ve ne darò a sazietà indica come oltre a ballare El Meddeb prepari lui stesso il couscous creando una sottile sinestesia con il pubblico che oltre ai suoni e alle immagini percepirà gli odori delle pietanze mentre lentamente cuociono. È una vera performance, la cui durata dipende dal tempo di cottura dei prodotti usati, un crescendo in parallelo alla lunga preparazione del couscous, dove protagonista è però un fisico che travalica gli standard coreutici. Massiccio e muscoloso, il corpo di El Meddeb è percorso da una frizzante energia e una sincera voglia di comunicare che rendono il suo movimento per molti aspetti sorprendente allo spettatore: non sarà leggero ma è spesso leggiadro. Vera istituzione alimentare nei paesi africani e asiatici, il couscous è il piatto delle grandi riunioni per celebrare un avvenimento della vita: la nascita come i funerali, l’inizio o la fi ne di una calamità, un matrimonio. Per El Meddeb il couscous rievoca il suo paese, la Tunisia, la madre e le zie che lo preparano con sensuale solennità: «indipendentemente dalla gioia o dal dolore delle circostanze». «Un giorno decisi di fare qualcosa di diverso, è venuta fuori la danza», spiega a proposito del suo lavoro odierno. Infatti i suoi esordi sono da attore, e a metà degli anni ’90 dall’Istituto di alta formazione delle arti drammatiche di Tunisi arriva al Teatro Nazionale di Tolosa perché scelto come «giovane promessa del teatro tunisino». Oltre a lavorare in palcoscenico partecipa a un paio di fi lm, così il suo approdo alla danza è piuttosto recente: durante una master class con Lisa Nelson è lei a riconoscere le sue doti di ballerino e di coreografo. Nel 2005 con il suo debutto Pour en finir avec moi s’impone all’attenzione della critica e l’anno dopo con il suo secondo solo Hùwà approda al Festival di Montpellier. Da allora, collabora alla creazione di svariate coreografi e, interpreta i suoi solo e ne inventa per altri, per una danza che esprime la gioia del corpo che si racconta.

Crediti

per 50 persone

performance culinaria e danzata di Radhouane El Meddeb l
a Compagnie de SOI
creazione 2008
un ringraziamento particolare a: Marie de Heaulme, Salia Sanou e al Centre Nationel de la Danse