fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio
Anni luce

Camilla Brison / Tatjana Motta

Notte Bianca


La regista Camilla Brison porta sulla scena il testo Notte Bianca premiato al Premio Riccione per il Teatro 2019 e presentato durante la prima edizione di Situazione Drammatica ospitata dal REf2020. Il tema del “viaggio”, intesto come esperienza di crescita umana e personale contrapposta a quel turismo veloce che rende ogni città simile a un’altra, è al centro della drammaturgia di Motta. «Il turismo di massa e i flussi migratori parlano di un mondo in cui i confini sono limiti solo per alcuni. Le stesse città che vendiamo ai turisti come ambiti oggetti del desiderio, per altri sono luoghi in cui lottare per sopravvivere» afferma l’autrice. Ecco, allora, una donna e un uomo la cui attività turistica si trasforma presto in un percorso di iniziazione attraverso l’incontro con l’ignoto, con l’Estraneo, con l’Altro, con una festa notturna in cui perdersi e diventare altro da sé. Ecco una città, accogliente e allo stesso tempo minacciosa, popolata di figure che hanno intrapreso viaggi estremi, che sono lì per restare o che desiderano partire per sempre.

Bio

Tatjana Motta si laurea in Arti Visive e dello Spettacolo allo IUAV di Venezia e si diploma in drammaturgia alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi. A ottobre 2017 scrive il microdramma I palazzi esplodono, Edgar compra la dinamite per il progetto Metropolis – Promised Lands di Fondazione Milano. Nello stesso anno è finalista al 12° Premio Riccione Tondelli con il testo Nessuno ti darà del ladro. Tra il 2018 e il 2020 fa parte del laboratorio permanente di drammaturgia Playstorm del Teatro Stabile di Torino. Con il testo Notte Bianca, vince il 55° Premio Riccione per il Teatro 2019. È tra gli artisti selezionati per la seconda edizione del progetto di scambio internazionale Betsud 2020, in collaborazione con El Cultural San Martin (Buenos Aires), INAE (Montevideo), Fundacion Teatro a Mil (Santiago), Teatro Technis Karolos Koun (Atene), nel corso del quale realizza il progetto Lago Carallacu Project insieme a Bruno Acevedo Quevedo e Guillermo Katz. Nel 2021 collabora come drammaturga al progetto Orizzonte Postumo del Teatro Stabile del Veneto, scrivendo la sceneggiatura di Future Shock, progetto video per la regia di Biancofango. Vive a Milano.

Camilla Brison si è laureata in Scienze dei Beni Culturali presso l’Università degli Studi di Milano. A Londra ha conseguito il Master in Advanced Theatre Practice presso la Royal Central School of Speech and Drama. Nel 2020 debutta con No land lady di Greta Cappelletti presso Anni Luce, Romaeuropa Festival, spettacolo già finalista del bando Giovani Registi Under 30 della Biennale di Venezia e vincitore del bando Cura 2020. Come regista ha diretto tra gli altri: Una Marchesa ad Assisi di Ippolita Baldini e Emanuele Aldrovandi e Sterili di Maria Teresa Berardelli, testo vincitore del Premio Riccione Tondelli 2009. Come assistente alla regia ha lavorato tra gli altri per: Il Macello di Giobbe di Fausto Paravidino e La vita Ferma di Lucia Calamaro. Come traduttrice in italiano i suoi lavori includono: Kif Kif di Pietro Pizzuti, George Kaplan, di Frederic Sonntag e Sicilia e Tunisia di Clyde Chabot, tutti dal francese ed Angry di Philip Ridley, dall’inglese. Dal 2012 al 2015 stata membro del Comitato di Lettura e del laboratorio CRISI condotto da Fausto Paravidino. È stata commissaria di selezione del Premio Riccione per il Teatro 2015 e 2017. Grazie ad una borsa di studio, nel 2019 ha creato Italy Uncovered – new plays from Italy, festival di drammaturgia italiana contemporanea a Londra, insieme ad Edward Fortes ed Anna Landi. Nel 2020 entra a far parte del programma Beyond the Sud, scambio di artisti provenenti da Italia, Grecia, Uruguay, Argentina e Chile dal quale ha dato vita, insieme a Nicolas Lange, al progetto Archipelagos, attualmente in produzione.Dal 2019 è regista di audiolibri per Emons.

Crediti

di Tatjana Motta

regia Camilla Brison

con Loris Fabiani, Agnese Fois, Angelica Leo, Daniele Natali

Testo Vincitore del 55° Premio Riccione per il Teatro 2019

Progetto Vincitore del Premio di Produzione di Riccione Teatro 2020

Produzione: Sardegna Teatro – Teatro Stabile di Bolzano
Con il sostegno di Premio Riccione per il Teatro, Scena Verticale, Nuovo Teatro Sanità, Centro di Residenza dell’Emilia-Romagna “L’arboreto-Teatro Dimora | La Corte Ospitale”2020
  • Eco friendly

    Questo sito web consente al tuo schermo di consumare meno energia quando il computer resta inattivo o quando ti allontani. Uno sforzo globale per ridurre il consumo elettrico del pianeta e il livello di emissioni di CO2. Resume browsing
    Riprendere la navigazione