fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio
Anni Luce - Prima Assoluta

Francesco Alberici

Diario di un dolore


Il mantra della felicità e della realizzazione sembra aver prodotto, nelle odierne generazioni, un’epidemia d’infelicità. Se le società contemporanee tendono a marginalizzare ed eliminare questo sentimento il regista e attore Francesco Alberici intende invece scavarlo, analizzarlo, raccontarlo come parte integrante della vita. Un regista chiede alla sua attrice di lavorare a una messa in scena che affronti questo tema a partire da Diario di un dolore di C.S. Lewis. Ma lo spunto letterario diviene presto strumento per interrogarsi sulla propria esistenza e costruire, inaspettatamente, un altro spettacolo. «È possibile rappresentare il dolore, e quali sono i limiti nella possibilità di raccontarlo? Si può portare in scena la propria biografia senza il rischio di usarla per meri fini spettacolari? E come mettere in scena, sera dopo sera, un dramma non più di finzione ma reale?»

Bio

Francesco Alberici (Milano,1988). Terminati gli studi classici, si laurea in Economia all’Università Bocconi di Milano.  Si diploma come attore alla scuola Quelli di Grock e lavora in diversi spettacoli della compagnia.  Nel 2015 partecipa al corso di perfezionamento teatrale “Il corpo nelle parole” del Centro Teatrale Santa Cristina. Studia con Claudio Orlandini, Danio Manfredini, Scimone e Sframeli, Massimiliano Civica. Con Claudia Marsicano e Daniele Turconi fonda il collettivo Frigoproduzioni con cui realizza Socialmente (2014) e Tropicana (2017). Con Daria Deflorian e Antonio Tagliarini ha lavorato in Il cielo non è un fondale (2016) come attore e collaboratore al progetto, in Quasi niente (2018) come collaboratore alla drammaturgia e aiuto regista e in Scavi (2018) come coautore e come attore, in Chi ha ucciso mio padre (2020) come attore e collaboratore alla drammaturgia.

Crediti

un progetto di Francesco Alberici
collaborazione alla drammaturgia Ettore Iurilli, Astrid Casali
Collaborazione alla regia  Enrico Baraldi
in scena Astrid Casali, Francesco Alberici

produzione Gli Scarti / Fuori Luogo La Spezia
coproduzione e residenze 
Murmuris, Olinda, Lab 121