Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Romeo Castellucci difende la sua opera dai violenti attacchi dei giorni scorsi


Dopo gli scontri con i fondamentalisti cattolici francesi che vogliono impedire con ogni mezzo lo svolgimento, al Théâtre de la Ville, dello spettacolo Sul Concetto di Volto nel Figlio di Dio di Romeo Castellucci-Socìetas Raffaello Sanzio- qui di seguito un comunicato stampa di Romeo Castellucci in accordo con il Théâtre de la Ville  

Parigi 21 ottobre 2011

 

"Io voglio perdonare coloro che hanno tentato con la violenza d’impedire al pubblico di entrare in teatro. Li perdono perché non sanno quello che fanno.
Non hanno mai visto lo spettacolo e non sanno che è spirituale e cristico; portatore, cioè, dell’immagine del Cristo. Io non cerco vie brevi e odio la provocazione. Per questa ragione non posso accettare la caricatura e la spaventosa semplificazione che è stata data da queste persone.
Ma li perdono, perché sono ignoranti e la loro ignoranza si fa tanto più proterva e nefasta quanto più chiama in causa la fede. Sono persone sprovvedute anche sul lato dottrinale e dogmatico della fede cattolica; si illudono di difendere i simboli di un’identità perduta, brandendo minaccia e violenza. E’ molto forte la partecipazione irrazionalistica che si organizza e si impone con la violenza. Mi dispiace per loro ma l’arte non è paladina se non della libertà di espressione.
Questo spettacolo è una riflessione sul decadimento della bellezza, sul mistero della fine. Gli escrementi di cui si sporca il vecchio padre incontinente non sono altro che la metafora del martirio umano come condizione ultima e reale. Il volto di Cristo illumina con la potenza del suo sguardo tutto questo; e interroga ciascuno spettatore nel profondo. È questo sguardo che disturba e mette a nudo;  non certamente il colore marrone che, rivelando presto il proprio artificio, rappresenta le feci.  Allo stesso tempo – lo devo dire con chiarezza – è completamente falso che si lordi il volto del Cristo con gli escrementi.  Chi ha visto lo spettacolo ha potuto vedere la finale colatura di un velo di inchiostro nero scendere sul dipinto come un sudario notturno.
Questa immagine del Cristo del dolore non rientra nell’illustrazione anestetizzata della dottrina dogmatica della fede. Questo Cristo interroga come un’immagine vivente e certamente divide e dividerà ancora. Per questa ragione io accetto le contestazioni e perdono quelle persone.

Voglio inoltre ringraziare tutto il Theatre de la Ville nella persona di Emmanuel Demarcy-Mota per tutti gli sforzi che sono stati fatti per garantire l’incolumità degli spettatori e degli attori".

Romeo Castellucci
Socìetas Raffaello Sanzio

 

 

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.