Romaeuropa Festival
13 NOVEMBRE

A noi piacciono le storie potenti, quelle capaci di farci riflettere sul nostro presente, sulla sua complessità, sulle sue contraddizioni: è Marco Paolini ad aprire questa settimana di REf con il suo #Antropocene portando in scena una riflessione sul rapporto tra uomo e nuove tecnologie, accompagnato dal rapper Frankie Hi-nrg mc e dalle musiche di Mauro Montalbetti eseguite dal violincellista Mario BrunelloPMCE Parco della Musica Contemporanea Ensemble. In scena sul palco dell’Auditorium Parco della Musica solo martedì 14 e mercoledì 15 novembre.

 

 

Scienza e natura tornano nella rilettura che Roberto Herlitzka fa del De Rerum Natura di Lucrezio, presentato in prima assoluta e realizzato insieme a Nuova Consonanza e l’Istituzione Sinfonica Abruzzese. Un viaggio multisensoriale tra le leggi sacre della natura e il lirismo senza tempo della composizione musicale. Ad accompagnare il racconto, le musiche inedite di Matteo D’Amico, Lamberto Macchi, Enrico Marocchini e Ivan Vandor. In programma il 17 e 18 novembre al Teatro Vittoria.

 

 

 


«Per riportare a teatro
il mondo di Michel Houellebecq in modo potente,
è necessario riporre totale fiducia nei suoi personaggi»

 

E questo fa e ha fatto Julien Gosselin, che insieme a 10 attori della sua compagnia Si vous pouviez lécher mon cœur (se potesse leccarmi il cuore) e in quattro ore di messa in scena, porta sul palco di Romaeuropa Festival la prima nazionale de Les Particules élémentaires. Pronti ad assumere il ruolo dei personaggi dell’omonimo romanzo di Houellebecq, gli attori diventano commentatori, narratori e musicisti tra chitarre elettriche e video realizzati in tempo reale. Sabato 18 e domenica 19 presso il Teatro Vascello.


 

Cambiamo completamente argomento con due progetti che completano la settimana di spettacolo con una spinta creativa alla riflessione. Il 15 novembre dalle h 19 negli spazi del MACRO Testaccio – La Pelanda, la nuova edizione di DNAppunti coreogorafici, che nasce da un lavoro sinergico su territorio nazionale tra la Cango/Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza Firenze, Il Centro per la Scena Contemporanea/Operaestate Festival del Comune di Bassano del Grappa, L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino, Fondazione Romaeuropa, Gender Bender di Bologna, Fondazione Teatro Grande di Brescia. Da venerdì 17 a giovedì 26 novembre, invece, l’Istituto Svizzero di Roma ospita l’installazione gratuita di Dimitri de Perrot DREAMS & NIGHTMARES, una riflessione sull’ignoto e sull’origine, un viaggio musicale e sensoriale di cui lo spettatore, con le sue memorie, le sue emozioni, la sua storia, diviene il vero protagonista.

 

 


 

 

Ci sentiamo tra qualche giorno per raccontarvi il secondo weekend di REf Kids, ma intanto ecco com’è andata per la nostra prima volta…

 

 


News e prossimi spettacoli REf17
Una nuova nascita, una grande avventura, uno sciamano che sa vedere lo scintillio e le ombre nelle cose del mondo, uomo-bambino capace di entrare ...
Già a Romaeuropa nel 2015 con ODE TO THE ATTEMPT (a solo for meself) e nel 2016 con THE DOG DAYS ARE OVER, Jan ...
Ritmo e percussioni: sono queste le due parole chiave per accedere al mondo di BEAT THE DRUM!, spettacolo prodotto da Theater de Spiegel, compagnia ...
Nell’estate del 2016 Marleen Scholten si è trasferita da Amsterdam a Milano con il suo compagno e sua figlia. Un giorno uno dei suoi ...
Presentato in prima nazionale a Romaeuropa Festival, The ocean is closed è una vera e propria sfida tra concerto e arti performative, nata dall’incontro tra ...