Romaeuropa Festival
CALL 2018
DNAppunti coreografici + Sounds of Silences

Opportunità per giovani coreografi e musicisti
questa settimana con Romaeuropa.
Pronti a scoprire nuovi talenti, siamo infatti molto felici
di poter condividere con voi l’apertura delle nuove call per i concorsi
DNAppunti coreograficiSounds of Silences.

 

 


 

DNAppunti Coreografici è il progetto di sostegno per giovani coreografi italiani, promosso e sostenuto in collaborazione tra Cango/ Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza Firenze, Operaestate Festival/CSC Centro per la scena Contemporanea del Comune di Bassano del Grappa, L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino, Fondazione Romaeuropa, Gender Bender di Bologna e Fondazione CRT Centro di Ricerche Teatrali/Teatro dell’Arte.

 

Verranno selezionati fino a un massimo di 6 progetti che presenteranno il 21 ottobre 2018 a Roma nell’ambito della sezione Dancing Days di Romaeuropa Festival i loro appunti coreografici davanti ad una giuria di esperti che assegnerà al progetto con maggiore potenziale il percorso di sostegno alla ricerca per il 2019. È possibile inviare la propria candidatura entro le ore 23:59 del 5 maggio 2018 compilando il modulo d’iscrizione online. Non saranno accettate candidature oltre la data indicata.

 

Leggi la call integraleInvia la tua candidatura
Per maggiori informazioni contatta dnappunticoreografici@gmail.com

 


 

In attesa di scoprire chi sarà il vincitore di quest’anno noi vi diamo appuntamento per il 18 ottobre con S.solo di Sara Sguotti che proprio lo scorso anno si aggiudicò il premio di DNAppunti coreografici.

 

La giovane coreografa ha portato a compimento lo studio presentato durante REf17 e ci invita in un viaggio attraverso il corpo: ispirandosi alla poesia Il serpente che danza di Boudelaire e ad alcune opere di Louise Bourgeois, Tracy Enim e Ren Han, Sara si interroga sulle sensazioni di libertà e di piacere cercando di connettere le sue emozioni a quelle del pubblico.

 

 


 

Ma come dicevamo le opportunità non riguardano solo il mondo della danza:

Torna il concorso Sounds of Silences indetto da Edison Studio con il supporto di SIAE – (Società Italiana degli Autori e Editori) per il progetto SIAE – Classici di Oggi e con la collaborazione della Cineteca di Bologna e Romaeuropa Festival 2018. Lo scopo del concorso? Stimolare la creatività musicale nella sua interazione con il mezzo audiovisivo e, in particolare, l’interpretazione sonora di pellicole storiche del cinema muto.

 

In questa prima fase del concorso che vedrà il suo termine il 15 maggio 2018 (data oltre il quale non sarà più possibile inviare il proprio materiale), i concorrenti sono invitati a inviare una loro opera audiovisiva di cui avranno composto la parte musicale. Una prima giuria internazionale selezionerà quattro finalisti che saranno invitati a realizzare entro il 20 ottobre una colonna sonora elettroacustica per un mediometraggio degli anni del muto di Charlie Chaplin scelto da Edison Studio in collaborazione con la Cineteca di Bologna. Ma di questa seconda fase ci risentirete sicuramente parlare! Intanto partecipate numerosi e in bocca al lupo!

 

Leggi la call integrale | Invia la tua candidatura
Per maggiori informazioni contatta soundsofsilences@edisonstudio.it

 


 

p.s. la nostra newsletter torna la prossima settimana con una nuova anticipazione di REf18 e un nuovo Early Bird!
Stay tuned ; )

 


 

 


ANTEPRIME REf118
Se c’è un artista che non necessita di presentazioni è sicuramente Peter Brook. Il rivoluzionario maestro del teatro internazionale, più volte ospite di Romaeuropa ...
Definito dal The Guardian come un valzer per la fine dei tempi, Grand Finale segna l’atteso ritorno di Hofesh Shechter per Romaeuropa Festival. Il ...
Ultima produzione di Motus, la compagnia fondata da Enrico Casagrande e Daniela Nicolò, PANORAMA è un’indagine incentrata sul movimento dei popoli e una ricerca sul ...
Vincitrice di DNAppunti Coreografici 2017, Sara Sguotti porta a compimento il suo S.rituale. A partire dall’incontro tra una poesia di Baudelaire Il serpente che ...