ITAMAR SERUSSI – Ferrum

ITAMAR SERUSSI – Ferrum

PRIMA NAZIONALE
5 novembre
Piccolo Eliseo Patroni Griffi

PROGRAMMA DI SALA
CONSULTA LA SCHEDA DI ARNO SCHUITEMAKER IN PROGRAMMA NELLA STESSA SERA
CONSULTA LA SCHEDA DI CLAUDIA CATARZI IN PROGRAMMA NELLA STESSA SERA

Il coreografo olandese, d’origine israeliana, Itamar Serussi con Ferrum presenta un duo in 5 parti ispirato al poema Seventh Dance di Hezy Leskly (1952 – 1994), pittore, coreografo e critico di danza che con i suoi quattro volumi (The Finger 1986, Addition and Subtraction 1988, The Mice and Lea Goldberg 1992, Dear Perverts 1994) ha segnato la poesia israeliana dell’ultima decade. In Seventh Dance Hezy descrive con le parole l’azione del danzatore nello spazio, Itamar Serussi le rielabora in un gioco raffinato di puro movimento. Le due interpreti, eleganti e forti, nei loro body/maglietta, sono corpo-mente-spazio in una struttura circolare che si conclude con la stessa posa con cui si apre. Lo scomposto développé iniziale della loro gamba destra sostiene un’estensione sonora che immediatamente fa slittare i due corpi in una dimensione di opposizione distorta. Sovrapposizioni di movimento, unisono, punti di raccordo e punti di indipendenza creano un magma coreografico che avanza tra posizioni yoga e posizioni di memoria ballettistica, ora fluide, ora meccaniche. Questo duo – presentato spesso da solo o come una delle tre parti di Home Again (2011) – è un lavoro che recupera, rielaborandola, la memoria corporea di Serussi, ex danzatore della Batsheva Dance Company, nutrita di danza tradizionale e nozioni di musica elettronica.

coreografia Itamar Serussi
con Genevieve Osborne, Milena Twiehaus
musica Richard van Kruysdijk
disegno luci Ate Jan van Kampen
stage design Florian Verheijen
costumi Jorine van Beek
produzione Danshuis Station Zuid