Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Anish Kapoor


Anish Kapoor nasce a Bombay nel 1954, ma a diciannove anni si trasferisce a Londra, dove studia all’Horsey College of Art e al Chelsea School of Art Design. Dopo un viaggio di ricognizione in patria, nel 1979, riscopre le proprie radici culturali più profonde e, di ritorno a Londra, inizia la serie scultorea dei 1000 Names, che gli apre le porte per la prima personale parigina. Da allora le sue esposizioni si susseguono numerose, in Gran Bretagna come nel resto del mondo, raggiungendo spazi come il Kunsthalle Basel, la Tate Gallery, l’Hayward Gallery di Londra, il Reina Sofia di Madrid, il CAPC di Bordeaux. La sua opera, caratterizzata da una materia pesante continuamente giocata fra vuoto e pieno – anche attraverso l’uso sapiente del colore -, si ritrova inoltre in diverse mostre collettive internazionali, ospitate dalla Whitechapel Art Gallery, dalla Royal Academy, da IX Documenta di Kassel, dal Moderna Museet di Stoccolma, dal Centre George Pompidou di Parigi. Dopo il Premio Duemila della Biennale di Venezia nel 1990 e il Turner Prize Award nel 1991, arrivano per Kapoor grandi commissioni internazionali: basti pensare a quella del Baltic, Centro per l’Arte Contemporanea di Gateshead, per il quale l’artista crea Taratantara, struttura in pvc rosso della lunghezza di cinquantuno metri per trentadue di altezza massima. Attualmente sta lavorando alla creazione di un grande monumento per il Millennium Park di Chicago.

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.