Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Irmin Schmidt & Kumo


Irmin Schmidt, uno dei fondatori del leggendario gruppo Can – che negli anni ’70 incarnava l’avanguardia del rock tedesco assieme a Neu e Kraftwerk -, e Kumo, programmatore e ingegnere del suono, hanno creato insieme un suono che genera un naturale e vitale contrasto fatto di spezzature e ritmi ossessivi, voci filtrate e impasti fusion-acid jazz: dalle risonanze classiche delle tastiere di Schmidt e dai ritmi elettronici di Kumo nasce una musica che il primo definisce “allo stesso tempo new music e musica classica”. L’esperienza artistica di Schmidt è peraltro incredibilmente variegata: prima di fondare i Can e di salire sulla scena progressive, dirige numerose orchestre (Wiener Sinfoniker, Bochumer Sinfoniker, Radio-Sinfonie-Orchester Norddeutscher Rundfunk Hannover), oltre a fondarne una sua, la Dortmunder Ensemble für Neue Musik; egli si esibisce inoltre come solista in diversi recital pianistici, risultando il primo musicista tedesco ad interpretare i lavori di John Cage.
Direttore musicale del Teatro Stabile di Aachen, lavora anche per il cinema, cimentandosi inoltre nell’opera con Gormenghast (1998), che ottiene recensioni lusinghiere. L’incontro con Kumo (al secolo Jono Podmore, nato a Liverpool nel 1965), dà vita all’album The Masters of Confusion (2001), nato come rielaborazione in studio del Gormenghast e diventato parte integrante dei Can Solo Projects: il successo è immediato e il duo riceve commissioni importanti (un’installazione sonora al Barbican Centre per l’Elektronik Festival 2001), iniziando inoltre una fortunata tournée europea che include appuntamenti prestigiosi come il Montreux Jazz Festival.

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.