Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Kent Nagano


Nato a Berkeley, California, nel 1951, da una famiglia di origine giapponese ma trapiantata in America da quattro generazioni, Nagano cresce a Morro Bay, piccola cittadina che ha la fortuna di godere di un conservatorio tutto suo, voluto dal musicista georgiano-tedesco Wachtag Korisheli. Agli studi musicali, favoriti anche dalla madre pianista, egli affianca studi di sociologia all’università di Santa Cruz e dopo una prima formazione a San Francisco con il violoncellista Laszlo Varga, nel 1977 viene scelto come assistente di Sarah Caldwell all’Opera Company di Boston. Mentre gli viene affidato un incarico alla Berkeley Symphony Orchestra (che ancora dirige dopo oltre 25 anni), diventa “Assistant Conductor” alla ben più importante Boston Symphony Orchestra e quando nel 1984 si trova a sostituire all’ultimo momento Seiji Ozawa alla direzione della Nona Sinfonia di Gustav Mahler, si conquista una grande notorietà per la perizia con cui porta a termine il difficilissimo compito. Invitato da Pierre Boulez come principale direttore ospite all’Ensemble InterContemporain, nel 1985 dirige il Wozzeck di Alban Berg all’Opéra di Parigi e la Salomè di Richard Strauss: la crescente fama internazionale lo porta ad ingaggi di sempre maggiore prestigio, fino alla direzione per nove anni dell’Opèra National de Lyon e della Manchester’s Hallé Orchestra.
Dopo diverse tournées in tutto il mondo e partecipazioni ai più importanti festival internazionali (tra cui ricordiamo l’esecuzione del San Francesco d’Assisi di Olivier Messiaen con la Manchester’s Hallé Orchestra a Salisburgo, in una produzione di Peter Sellars), lascia entrambe le orchestre per assumere nel 2000 l’incarico di direttore dell’Orchestra Sinfonica di Berlino.
La versatilità di Nagano, a suo agio con il repertorio classico e contemporaneo, sinfonico e operistico, è ben testimoniata dall’ampia discografia, che spazia da Sergej Prokof’ev a Olivier Messiaen, da Gustav Mahler a Benjamin Britten, e comprende oltre sessanta incisioni per etichette come Erato, Harmonia Mundi, Virgin.
Secondo un recente annuncio in conferenza stampa, a partire dalla stagione 2006/2007 rivestirà l’incarico di direttore musicale dell’Opera Bavarese.

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.