Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Les Musiciens du Louvre


Nato nel 1982 ad opera di Marc Minkowski, l’ensemble Les Musiciens du Louvre si è affermato negli anni come una della maggiori formazioni giovani d’Europa dedite all’utilizzo di strumenti antichi. I primi successi risalgono principalmente all’interpretazione delle opere di Henry Purcell quali Dido and Aeneas, King Arthur, The Fairy Queen. Da subito l’attività dei Musiciens ha notevoli riscontri discografici, incidono tra gli altri le comédies-ballets di Jean-Baptiste Lully (1987), il Teseo di Händel, Platée di Rameau e il San Giovanni Battista di Stradella, quest’ultimo gli vale un Grammophone Award come migliore incisione barocca. Proprio la musica barocca è il fiore all’occhiello del repertorio dell’ensemble (nel 1992 inaugura il Festival de Musique Baroque de Versailles con l’Armida di Gluck) che lega il proprio nome soprattutto alle esecuzioni di opere di musicisti come Rameau o Charpentier.
Stabilitasi dal 1996 a Grenoble, dove ogni anno affronta regolarmente una stagione di concerti, la formazione possiede comunque un ampio respiro internazionale, come testimoniano la partecipazione ai maggiori festival europei e le tournées in America. Tra le esibizioni più acclamate vanno ricordate LIncoronazione di Poppea al Festival d’Aix-en-Provence nel 1999, La Belle Hélène al Théâtre du Châtelet nel 2000, l’Ariodante di Händel con Anne Sofie von Otter all’Opéra de Paris, e Giulio Cesare, sempre di Händel, per l’Opera di Amsterdam nel 2001.
Oltre le incisioni per le etichette più prestigiose, dalla EMI alla Deutsche Grammophon, è da segnalare anche la partecipazione a Le Messie, film del fotografo William Klein, ispirato sempre all’opera di Händel.

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.