Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Les Percussions de Strasbourg


A Strasburgo, nel 1962, sei musicisti di formazione classica si riuniscono intorno a un’idea comune: creare un gruppo di musica da camera per strumenti a percussione, e proporre dei concerti con opere scritte appositamente per loro. L’obiettivo è chiaro: liberare gli strumenti a percussione dai repertori nei quali la tradizione, occidentale, orientale o africana, li ha confinati, per dar loro un repertorio moderno.
Seguendo i consigli di Pierre Boulez, i sei musicisti creano Les percussions de Strasbourg, una formazione che rapidamente mette insieme un repertorio nuovo, grazie alle creazioni di Messiaen, Xenakis, Stockhausen, Serocki, Aperghis, Ballif, Cage, Kabelac, Mâche o Donatoni.
Nel 1967, con l’esecuzione di Ionisation di Varèse, in accordo ed in collaborazione con il compositore, l’ensemble ottiene un successo, che lo porta ben presto all’attenzione internazionale.
A questo seguono numerosi altri concerti che definiscono nel panorama internazionale la posizione del gruppo, rinnovando l’interesse per le percussioni.
Nel 1996, mentre l’organico viene a mutarsi, Les percussions ribadiscono il proprio progetto segnando una serie di punti come fondamentali per la loro crescita: ne nasce quasi un manifesto che prevede, di
“Arricchire il panorama sonoro di timbri e suoni nuovi, usando tecnologie e sollecitando i compositori che provengono da ambienti musicali diversi;
Aprirsi verso altre espressioni artistiche;
Lavorare con giovani compositori (tra cui M.A. Perez-Ramirez, M. André, J. Schoellhorm e T. Meadowcroft);
Sviluppare delle residenze: occupare e sfruttare i luoghi della creazione e della ricerca, fare di Strasburgo un luogo d’accoglienza;
Lavorare sulla sostanza e sulla forma dei concerti: dare posto alla scenografia e al disegno luci, costruire i programmi intorno a delle tematiche”.
Da allora e fino ad oggi, passando per i festeggiamenti del 40 anni della nascita (2002), Les percussions de Strasbourg hanno mantenuto inalterato il loro spirito di innovazione e sperimentazione continuando a collaborare e ad eseguire le creazioni di compositori contemporanei. Dal 2003, infatti, figurano nel loro repertorio 4 études chorégraphiques di Ohana, Quodlibet di Nunés, Récréations di Solal, Répliques di Agobet e Salpétrière di Koblenz.
Nel 2004 hanno pubblicato Le noir de l’étoile su musiche di Gerard Grisey.

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.