fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Nederlands Dans Theater III


Il Nederlands Dans Theater, compagnia olandese creata nel 1959 da Benjamin Harkarvy e Carel Birnie, è attualmente una delle realtà più interessanti ed in certo senso affascinanti del panorama della danza europea. Molto si deve Jirí Kylián che, direttore artistico da oltre vent’anni, ne ha fatto una struttura dalle caratteritiche uniche. Accanto infatti alla compagnia principale composta da 32 ballerini, di età compresa tra i 22 e i 40 anni, Kylián fonda nel 1978 il Nederlands Dans Theater II, con ballerini dai 17 ai 22 anni, e nel 1991 il Nederlands Dans Theater III, un piccolo gruppo con danzatori ultraquarantenni. In tal modo, risulta idealmente possibile assistere all’intera vita artistica di un danzatore, dalla sua formazione alla maturità.
Il principio all’origine del Nederlands Dans Theater III è la valorizzazione in termini di danza, di movimento e di espressione, dell’esperienza e della formazione accumulata in anni di attività dai ballerini che sono quindi capaci di combinare, criticamente e con una forte presenza scenica, danza classica e moderna, mimo, commedia, espressione corporea e musica. Grazie anche alla collaborazione con prestigiosi coreografi che hanno voluto mettersi alla prova con creazioni adatte a questo nuovo tipo di danzatore – fuori quindi dall’esaltazione dell’atletismo giovanile -, il gruppo ha riscosso, quasi subito, un grande successo. Accanto a Kylián, che ha creato, tra le molte, Obscure temptations (1991), No sleep till dawn of day (1992), Whereabouts unknown (1993), Double you (1994), Tears of laughter (1996), A way alone (1998), Birthday (2001), 27’52” (2002), When time takes time (2002), altri coreografi hanno collaborato con il Nederlands Dans Theater III, come Mats Ek (Far too close, 2003), Martha Clarke (Tulips, Dammerung e Nocturne, 1993), Cristopher Bruce (Moonshine, 1993), Leon Lightfoot (Skew Whiff, 1996 e Sad case, 1998), Hans van Manen (Two faces) e Meryl Tankard (Merryland, 2001). L’ultima creazione per il gruppo, 2 lips and dancers and space, è firmata da Robert Wilson.
Nel 1995, Kylián, in occasione dei festeggiamenti per i vent’anni di direzione, ha creato Arcimboldo, un lavoro che riunisce i 3 gruppi – le 3 anime del Nederlands.