Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Paolo Modugno


Nato a Roma nel 1955, ha compiuto studi di etnomusicologia presso l’Università “La Sapienza” di Roma, con il Prof. Diego Carpitella, e presso l’Istituto di Musica Comparata di Venezia. Segue quindi diversi corsi presso la Scuola di Musica Popolare di Testaccio e svolge attività di ricerca sotto la direzione di Giorgio Battistelli, Vincenzo Ricciuti, Roberto Secchi, collaborando inoltre con Alvin Curran, Roberto Laneri, Luigi Cinque e il Gruppo Malvasia. Dal 1981 ha realizzato numerose colonne sonore per spettacoli legati al teatro di ricerca, lavorando al fianco di alcune fra le migliori compagnie dell’epoca, dalla Gaia Scienza di Barberio Corsetti al Centro per la Sperimentazione e Ricerca Teatrale di Pontedera, da Dark Camera al Teatro Spaziozero. Oltre i lavori più tradizionali, come le colonne sonore per Suono Giallo e Il Cavaliere Azzurro della Compagnia Solari-Vanzi, lo contraddistingue spesso l’utilizzo di strumenti e sonorità assolutamente inusuali, basterebbe pensare al concerto per Rasoi elettrici, frullatori, sculture sonore ad acqua e nastro magnetico, realizzato in occasione di Niente impronte digitali allo Spaziozero. La sua ricerca si accompagna inoltre puntualmente alle innovazioni tecnologiche, come ad esempio sta a testimoniare la colonna pensata per E i pesci cosa penseranno di noi? (1982) del Circuito ETI, in cui un piccolo studio mobile rielabora i segnali sonori provenienti dal corpo del danzatore e captati da 6 sensori.
Nel 1984 fonda con Massimo Terracini lo studio di registrazione O.A.S.I. a Roma, presso il quale inciderà solo parte della sua ampia discografia, che comprende peraltro incisioni per Virgin e Warner (Brise D’Automne, 1989, Le Bala et la Mouche, 1994, Walkin’ in the desert of dreams / BROtheRS con Marco Rosano, 1996).
A partire dagli Anni Novanta collabora a più riprese con RadioRai e Palazzo delle Esposizioni di Roma (dove musica dal vivo Greed, il capolavoro di Stroheim), mentre continua a scrivere partiture per spettacoli teatrali, video, cinema (Nell’Acqua, regia di Dante Majorana).

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.