Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Vertigo Dance Company Noa Wertheim e Adi Sha’al


Dopo il diploma presso la Rubin Academy of Music and Dance, Noa Wertheim viene accettata alla Jerusalem Tamar Dance Company, dove incontra Adi Sha’al, formatosi presso il Batsheva Dance Ensemble il Kibbutz Dance Workshop: i due diventano partner nel lavoro e nella vita, fondando nel 1992 la Vertigo Dance Company. La compagnia prende il nome dalla prima breve coreografia firmata a quattro mani, Vertigo, a cui segue, negli anni, una nutrita serie di lavori, che l’hanno resa uno dei punti di riferimento della nuova danza israeliana. La posizione privilegiata che la compagnia ha raggiunto è dovuto non solo alla produzione artistica, ma anche alla capacità che ha mostrato nel costruire un terreno culturale forte, infatti la Vertigo Dance Company ha istituito al suo interno una scuola di danza ed il Vertigo Dance Workshop, per il perfezionamento dei ballerini professionisti. Consapevoli inoltre del valore teraupetico della danza oltre che della ricchezza insita nella diversità, le classi di danza si sono aperte anche ai disabili: e così nel 2001 la Vertigo ha prodotto Power of Bilance, spettacolo di Adam Benjamin realizzato con i danzatori disabili del corso dell’anno precedente.
Tra le coreografie della Compagnia, firmate in gran parte da Noa Wertheim e musicate da un fedele collaboratore della compagnia, Ran Bagno, si ricordano Symbiosis (1994), Limbo (1994), Artus (1995), Para Aduma (1996, di Neta Pulvermacher), Hamsin (1998), Babylon Pit (1998), The Gas Heart (1999, in coproduzione con l’ungherese Artus Dance Theatre, a partire da una pièce di Tristan Tzara), What Fish Enjoy (2000), Esther (2000), Silvia (2002), Birth of the Phoenix (2004, incentrato su tematiche ambientali).
Insignita nel corso degli anni di diversi riconoscimenti, tra cui, nel 1999, del Cultural Ministry Award come migliore compagnia Israeliana, la Vertigo Dance Company ha debuttato nel 2005 con Vertigo and the Diamonds – Power of Human Relations, in cui sette ballerini dialogano sul palco con i cinque musicisti della Diamonds Band.

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.