Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Carolyn Carlson

Settembre


Photo © Piero Tauro

Per Settembre (Syyskuu), nato ad Helsinki nel maggio del 1991, Carolyn Carlson ha seguito le suggestioni nate dalle poesie di Elliot e dal dipinto L’angelo ferito del pittore finlandese Hugo Simberg, racconto della storia di un uomo che ha perso le ali, simbolo della sua spiritualità. Syysukku, che in finlandese significa “settembre”, è la continuazione ideale di Elokuun (agosto), le due coreografie insieme a Maa (Terra) sono il risultato di un anno di lavoro con i ballerini scandinavi e dell’assidua collaborazione con il compositore Mikko-Ville Luolajan-Mikkola (che esegue ed improvvisa dal vivo le sue musiche).
Un danzatore di spalle, in abito nero e dal volto pallido, accoglie il pubblico in sala, alludendo con molta precisione all’immagine de Lo sguardo del sordo di Robert Wilson.
Lo spettacolo, una lunga suite della durata di quasi due ore senza intervallo, si suddivide in due parti. E mentre la prima è vissuta en plein air, racchiusa tra il suono delle campane e gli ultimi accordi della Carmen di Bizet, la seconda si svolge all’interno di una casa rovinata, dagli arredi essenziali. Una sedia, un armadio, un singolare pianoforte strappato a metà, una poltrona, una finestra trifora che consente il gioco di interscambio tra interno ed esterno sono gli oggetti attraverso cui si animano le sequenze di immagini danzate.
La materia narrativa, seppure sfuggente (e forse anche poco importante), è riconducibile alle saghe nordiche: in un’atmosfera polverosa, dai libri sparsi sulla scena, prendono dunque vita i personaggi del balletto, fantasmi del passato e dell’immaginario. La danza rimane così relegata in un mondo surreale, un mondo onirico dove dominano le diagonali ed i cerchi. Ne emerge un disegno mentale, tipico della coreografa americana, che si origina nelle emozioni e negli schizzi poetici di cui ella stessa è autrice: “non è importante che il pubblico sappia che cosa rappresentano i miei balletti; ciò che voglio è arrivare dritto all’anima di ognuno”.

Coreografia Carolyn Carlson
Musica composta e improvvisata al violino Mikko-Ville Luolajan-Mikkola
Musica registrata Markku Luuppala (sassofono e clarinetto basso), Mikko-Ville Luolajan-Mikkola (pianoforte, violino e contrabbasso), Pirjo Bergström (voce)
Disegno luci Claude Naville
Scenografia Carolyn Carlson, Claude Naville, Mikko Kurenniemi
Costumi Helsinki City Theatre
Danzatori Harry Heikkinem, Marjatta Jaatinem, Kirsi Karlenius, Jyrki Karttunen, Riikka Korppi-Tommola, Harri Kuorelahti, Helena Pasenen, Jyri Pulkkinen, Sami Saikkonen, Ville Surmunen, Kaisa Torkkel

Assistente alla coreografia Maisa Savolainen
Tecnico luci Risto Heikkero, Kari Lappala, Markku Penttila
Tecnico Suono Antero Mansikka, Eradz Nazimov, Jyrki Sandell
Assistenza alla direzione Jukka Kekkonen
Direzione di scena Antti Laurikainen, Christer Backstrom, Juhani Sevon
Allestimento scenico Juhani Rytkola
Trovarobe Arja Koskinen
Fotografia Jussi Aalto
Produzione Théâtre de la Ville, Parigi

 

Rassegna stampa
“La Carlson si allontana dall’impressionismo naturalistico e dallo humour dei suoi precedenti lavori diventando quasi barocca, proponendo una danza misterica e teologica, letteraria e favolistica che ha un precedente in Dark“.
(Francesca Bernabini, La caduta degli angeli, Corriere della Sera, 22 luglio 1992)

“abbiamo sentito che ambiente e atmosfera provenivano da echi misteriosi di qualche saga finnica e che eravamo proiettati in un interno borghese, nel mezzo di un dramma di vita familiare. Un mondo arcano si apriva davanti a noi […] come personaggi usciti da qualche fotogramma di un film di Ingmar Bergman”.
(Alberto Testa, Misteri di “Settembre” e la danza si fa saga, la Repubblica, 23 luglio 1992)

“Ma tra questi uomini incapaci di volare (sia col corpo che con la mente e col cuore) c’è un “diverso”, un “alieno”, un “altro” che scopriremo meglio strada facendo, quando sulla sua schiena spunteranno delle piccole ali. È lui l’angelo chiamato a convivere con la grigia umanità, destinato però alla fine ad essere spogliato dei suoi divini poteri”.
(Lorenzo Tozzi, Un improbabile settembre, Il Tempo, 23 luglio 1992)

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.