fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Ong Keng Sen - Theatreworks

The Continuum – Beyond the Killing-Fields


Photo © Piero Tauro

Un grido di dolore per ciò che si è perso a causa delle velleità nazionaliste si ritrova anche nella docu-performance che arriva dalla Cambogia, The Continuum – Beyond the killing fields, del regista Ong Keng Sen e del suo Theatreworks. Un viaggio a ritroso nel disperato quanto vano tentativo di recupero della propria identità di popolo, seguendo il sottilissimo filo di Arianna costituito dai lontani ricordi di un’anziana danzatrice, l’ultima, della corte Khmer, e della sua famiglia. I momenti di danza sono suddivisi in vari contesti: la lezione alle più giovani, la dimostrazione, la spiegazione per il pubblico. A questi si alternano i momenti del racconto, in cui sono descritte le atrocità commesse dai khmer rossi nei confronti della popolazione cambogiana, in particolare degli intellettuali e degli artisti, e momenti più propriamente documentaristici, con le riprese video del viaggio verso la città natìa dell’anziana donna. In tutto questo, ciò che più lascia il segno è lo iato fra la solennità quasi sacra con la quale la famiglia di danzatrici (gli uomini all’inizio non potevano accedere a tale professione, solo più tardi sono stati ammessi, esclusivamente nel ruolo di scimmie) viveva e vive la propria arte e la devastante brutalità, unita a una totale mancanza di rispetto per la vita umana, che veniva praticata quotidianamente dai rivoluzionari di Pol Pot. Manca purtroppo allo spettatore occidentale la conoscenza profonda di una danza che è prima di tutto narrazione, ma lo spettacolo resta godibile e il reportage filmato in questo senso aiuta molto. Il resoconto delle varie fasi che hanno portato al ricongiungimento della decana con la sua stessa vita, infatti, consentono di penetrare gli abissi di una cultura e di un’espressione artistica che non è concesso penetrare intellettualmente a chi non ne conosce intimamente le strutture simboliche.

© Valeria Silvestri – Exibart
© Foto Piero Tauro

Crediti

Ideato e diretto da Ong Keng Sen
Interpreti Em Theay, Thong Kim Ann (Preab), Kim Bun Thom, Mann Kosal

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.