fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Romatre Film Festival


Il Roma3FilmFestival riunisce ed intreccia iniziative diverse che nel tempo sono andate crescendo come significativi momenti di riflessione e confronto delle attività di studio e sperimentazione artistica di studenti, laureati ma anche professionisti del cinema, del video e delle arti elettroniche gravitanti attorno all’università. All’inizio l’evento, nato nel 2005 (ma per anni aveva già avuto un suo spazio, la “Carta Bianca Dams”, presso “Arcipelago”) era rivolto soprattutto agli studenti dei Dams italiani, ma è cresciuto sempre di più, anche grazie al forte impegno del Dipartimento Comunicazione e Spettacolo, il coinvolgimento di professionisti dell’audiovisivo in qualche modo legati alla formazione, sottolineando l’importanza di un progetto in continua espansione che si è radicato nel corso di un decennio. Cinque giornate di forme brevi e lunghe, di sperimentazioni visive, di spettacoli, seminari, laboratori, conferenze, dibattiti e incontri con i protagonisti animeranno il Teatro Palladium, dando anche spazio, per dare un segnale politico e culturale di sinergie e ibridazioni, al teatro e alla musica. Si vedranno film di genere e anteprime d’autore, si assisterà a spettacoli dal vivo e a performance musicali. In particolare poi, quest’anno, il festival sarà anche la sede di un convegno, organizzato dall’Ateneo di Roma Tre in collaborazione con altre università (Udine, Calabria, Cagliari, Iulm Milano) dedicato alla formazione dei quadri nel cinema italiano e alle Film Commissions, con attenzione anche a temi cari al Di.Co.Spe. quali la distribuzione universitaria e l’insegnamento del cinema nelle scuole. L’obiettivo del Roma3FilmFestival è quello di consacrarsi come crocevia di giovani talenti (auspicabilmente anche internazionali), come punto di incontro di professionisti del cinema che in qualche modo hanno a che fare con la didattica e con la formazione, nella consapevolezza della complessità dell’universo audiovisivo e di quello delle arti performative. Il festival si è ormai radicato come annuale monitoraggio dell’immaginario giovanile, dell’universo iconico e delle tendenze artistiche e culturali in atto.