fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Scuola Popolare di Musica di Testaccio


Concerto per Leopardi

Coro di morti, Ultimo canto di Saffo, Canto notturno di un pastore errante dell’Asia

oratorio di Giovanna Salviucci Marini

La composizione,su testi di Giacomo Leopardi si compone di tre brani: il “Coro dei Morti”, “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia” e “l’Ultimo canto di Saffo”. Questi canti, scritti originariamente per coro e orchestra d’archi,  sono stati eseguiti per la prima volta a Roma nel 1997; in questa occasione vengono riproposti con l’ organico composto da doppio quartetto vocale e strumentale che conferisce alla composizione una sonorità del tutto nuova.

con

Quartetto Urbano, quartetto vocale: Germana Mastropasqua, Flaviana Rossi, Michele Manca e Xavier Rebut
I Quattro Venti, in versione quartetto di sassofoni: Marco Conti sax soprano, Francesco Marini sax contralto, Sandra Ugolini sax tenore, Elvio Ghigliordini sax baritono
direzione musicale Xavier Rebut

Spesso il male di vivere ho incontrato

oratorio di Giovanna Salviucci Marini su liriche di Eugenio Montale e dialoghi di Cassandra e Antigone tratti da Sofocle

La composizione, in prima esecuzione assoluta in  questa stesura, prende spunto da sette poesie di Montale tratte dalla raccolta Ossi di Seppia. Le poesie  si intercalano con un dialogo tra Antigone e Ismene  tratto dalla omonima tragedia di Sofocle e con testi tratti dal libro Cassandra di Christa Wolf. Le tre soliste, che interpretano i ruoli di Antigone, Cassandra ed Ismene, parlano ciascuna secondo il proprio concetto di libertà e legalità; tra i dialoghi si inseriscono le poesie di Montale che conducono da un pensiero all’altro secondo un concetto di totale libertà del vivere e del sentire espresse con toccante efficacia dal poeta. In questa composizione, come in molti lavori di Giovanna Marini, si ritrovano quei temi cari all’autrice che rivolge la sua attenzione alla profondità del pensiero umano, alla sua libertà nell’agire, al suo bisogno impellente di trovare piena espressione nei sentimenti. Attraverso la posia di Montale ed i testi della Wolf, Giovanna Marini ci trasporta nell’attualità attraverso temi arcaici trattati alla luce di uno sguardo femminile e di una poetica disincantata dove spicca la necessità di una salvezza affidata alla propria originalità.

con

Quartetto Urbano, quartetto vocale
Germana Mastropasqua, Antigone
Patrizia Rotonda, Cassandra
Flaviana Rossi, Ismene
Coro Favorito: Sandra Cotronei, Germana Mastropasqua, Patrizia Rotonda, Susanna Ruffini, Lucia Staccone, Sabine Fontaine, Giovanna Salviucci Marini, Flaviana Rossi, Antonella Talamonti, Giuseppe Caltabiano, Bruno Mattei, Xavier Rebut, Enrico Scarinci, Vincenzo Zappa, Gianpaolo Castelli, Stefano De Felici,Michele Manca, Andrea Monaco, Fiammetta Tosti
direzione musicale Xavier Rebut

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.