fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio
Prima Nazionale

Rimini Protokoll

Conference of the Absent


La compagnia tedesca Rimini Protokoll torna al Romaeuropa Festival per trasformare il teatro in un «medium» utile alla cooperazione globale. La loro nuova produzione è infatti, a tutti gli effetti, una conferenza internazionale senza viaggi, emissioni di CO2, collegamenti video e malfunzionamenti.

La telepresenza da digitale si trasforma in una presenza performativa che modifica e altera le regole della rappresentanza: in scena le parole di scienziati e filosofi e le tesi contraddittorie sulle conseguenze della globalizzazione sono consegnate al teatro e al suo pubblico. Sono gli spettatori, infatti, ad assumere il ruolo di “avatar” degli esperti assenti, diventando portatori di idee e acquisendo giocosamente le biografie dei relatori rappresentanti. L’assenza crea uno spazio per nuove iscrizioni e prospettive inaspettate, mentre la regia a distanza di Rimini Protokoll dà vita a un gioco teatrale fatto di traduzioni e di corpi. Strumenti per veicolare e discutere le problematiche del nostro presente.

Bio

Helgard Haug, Stefan Kaegi e Daniel Wetzel hanno fondato il collettivo Rimini Protokoll nel 2000 e da allora hanno declinato il loro lavoro in più ambiti disciplinari. Opera dopo opera hanno ampliato i mezzi del teatro per creare nuove prospettive sulla realtà. Rimini Protokoll spesso sviluppa le proprie opere teatrali o le proprie installazioni performative e i propri spettacoli audio insieme a esperti che hanno maturato le proprie conoscenze e competenze al di là del teatro. Inoltre, il collettivo ama provare a riprodurre le strutture sociali nel formato teatrale. Molte delle loro opere sono caratterizzate dall’interattività e da un uso giocoso della tecnologia. Dal 2003 l’ufficio di produzione di Rimini Protokoll è a Berlino.

Crediti

Ideazione / testo / Regia: Helgard Haug, Stefan Kaegi, Daniel Wetzel
Scena / Video e design luci: Marc Jungreithmeier
Sound design: Daniel Dorsch
Ricerca / Drammaturgia: Imanuel SchipperLüder Pit Wilcke
Con la voce di: Nadja Stübiger
e la voce strumentale di: Henriette Hölzel, David Kosel, Hans-Werner Leupelt e Karina Plachetka
Cooperazione per l’educazione politico-culturale: Dr. Werner Friedrichs
Direzione di produzione: Epona Hamdan
Assistenza alla drammaturgia: Sebastian Klauke
Assistenza alla regia: Lisa Homburger e Maximilian Pellert
Assistente di scena: Maksim Chernykh
Assistente alla produzione: Federico Schwindt

Una produzione Rimini Apparat
In co-produzione con Staatsschauspiel Dresden, Ruhrfestspiele Recklinghausen, HAU Hebbel am Ufer (Berlin) and Goethe-Institut.