Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio
Prima Nazionale
Con il sostegno di Dance Reflections by Van Cleef & Arpels



Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone - Sala Petrassi
16 - 17 Novembre 2024
danza - Scena internazionale

Robyn Orlin
Garage Dance Ensemble

How in salts desert is it possible to blossom…

How in salts desert is it possible to blossom…

“How in salts desert is it possible to blossom…” (come nel deserto di sale è possibile fiorire…) nasce dalla collaborazione tra la coreografa Robyn Orlin e Garage Dance, compagnia basata a Okiep, nella provincia del Capo Settentrionale. Per lo più sconosciuta, tale regione custodisce la ricchezza della cultura, dell’umorismo e dell’umanità del Sudafrica ma porta anche i segni della sua storia di colonizzazione. Con i danzatori, performer e musicisti del territorio, Orlin dà vita a un nuovo affondo sulle idee di potere, di gerarchia sociale e di privilegio, senza rinunciare alla sua scrittura ludica, dirompente ed energica in grado di parlare al cuore di tutti gli spettatori.

Bio

ROBYN ORLIN nata nel 1955 a Johannesburg, si è prefissata di sviluppare la sua pratica e la sua cultura coreografica in un ambiente privo di qualsiasi discriminazione, anche estetica: dalle danze zulu a Merce Cunningham, dall’hip-hop al balletto classico…qualunque forma di danza è, per lei,  benvoluta. Non a caso, l’eclettismo estetico e un certo “universalismo” coreografico e musicale sono tratti distintivi delle sue creazioni. Formatasi alla London School of Contemporary Dance (1975-1980), poi alla School of the Art Institute of Chicago (1990-1995), Robyn Orlin ha iniziato la sua carriera di danzatrice, coreografa e insegnante in Sudafrica, dove è stata subito notata tanto per la singolarità della sua scrittura  quanto per il suo impegno attivo nella lotta contro l’apartheid. All’inizio del nuovo millennio, il suo pluripremiato “Daddy, I have seen this piece six times before and I still don’t know why they’re hurting each other (Ho già visto questa pièce sei volte e ancora non so perché si fanno del male a vicenda)”, ritraeva le difficoltà e le carenze della giovane nazione arcobaleno. La Francia è presto diventata per lei un territorio creativo: qui ha realizzato il suo primo film, “Hidden Beauties, Dirty Stories” (Ina/Arte, 2004), la sua prima opera, “L’Allegro, il penseroso ed il moderato” di Handel (Opéra Garnier, Parigi, 2007), numerosi assoli per interpreti di diversa provenienza e la sua prima produzione teatrale, “Les Bonnes”, di Jean Genet (Théâtre de la Bastille, Parigi, 2019). Contemporaneamente ha continuato a lavorare in Sudafrica, dove ha creato “Still Life with homeless…” per la compagnia Via Katlehong (2007), “Walking next to our shoes…” con i cantanti-danzatori del “Phuphuma Love Minu”s (2009), “Beauty remained for just a moment…” (2012) e “we wear our wheels with pride… (2021)” con la compagnia Moving into Dance. L’universo di questa prolifica artista è contraddistinto, dalla mescolanza di forme, espressioni e generi, dalla gioiosa confusione che crea sul palco e nel pubblico dei suoi spettacoli, dal suo carattere critico e politico e dalla sua forte componente plastica.

Già al REF con “We wear our wheels with pride and slap your streets with color…” (2022)



Crediti

Un progetto di  Robyn Orlin con Garage Dance Ensemble e uKhoiKhoi

Con 5 danzatori di Garage Dance Ensemble: Byron Klassen, Faroll Coetzee, Crystal Finck, Esmé Marthinus e Georgia Julies

Partitura originale scritta ed eseguita da uKhoiKhoi con Yogin Sullaphen e Anelisa Stuurman

Costumi: Birgit Neppl

Direttore tencico: Thabo Walter 

Video: Eric Perroys

Disegno Luci/ Lighting Design: Vito Walter.

Amministrazione e diffusione: Damien Valette   

Produzione logistica del tour: Camille Aumont 

Produzione: City Theater & Dance Group e Damien Valette Prod

Garage Dance Ensemble

Fondatore: Alfred Hinkel

Direttore creativo/ Direttore artistico: John Linden

Coreografa Residente: Byron Klassen

Produzione: Nicolette Moses 

Coproduttori: City Theater & Dance Group, Festival Montpellier Danse 2024, Festival de Marseille, ChaillotThéâtre national de la danse – Paris, Théâtre Garonne, Scène européenneToulouse.  

Con il sostegno della Direction régionale des affaires culturelles d’Ile de France  

e di Dance Reflection by Van Cleef & Arpels