DNA MEMORY: VIRGILIO SIENI – Indigene

DNA MEMORY: VIRGILIO SIENI – Indigene

8 novembre h19
la Pelanda – ex Mattatoio

PROGRAMMA DI SALA

Nel 2011 Virgilio Sieni da vita al progetto Cerbiatti del nostro futuro allo scopo di creare e sviluppare un repertorio di danza contemporanea destinato e interpretato da giovanissimi danzatori, di un’età compresa tra i 10 e i 15 anni. L’intento del progetto è la trasmissione diretta per attivare un percorso di avvicinamento alla creazione articolato in varie tappe. Dall’esperienza formativa e creativa del gruppo Cerbiatti del nostro futuro, nasce nel 2013 il progetto Butterfly Corner con quattro giovanissime danzatrici: un organismo stabile che si propone di portare all’esterno l’esperienza del gruppo Cerbiatti con lo scopo di ricavarne nuove energie e suggerimenti. Indigene è la seconda coreografia realizzata da Virgilio Sieni per il gruppo Butterfly Corner e nasce dalla collaborazione tra i settori Danza e Musica della Biennale di Venezia allo scopo di condividere alcune pratiche che mettono in relazione il gesto del corpo col gesto della musica, il suono con la danza. Le quattro giovanissime interpreti danno luogo a una coreografia strutturata secondo il gioco combinatorio del duetto, per terminare in un quartetto “boschivo”.

coreografia Virgilio Sieni
musica originale Giovanni Dario Manzini
una commissione de La Biennale di Venezia
eseguita dal vivo dall’ensemble De Rerum Mechanica: Francesco Checchini flauto, Pietro Montemagni violino, Emanuele Caligiuri viola, Giorgio Marino violoncello
interpreti Bettina Bernardi, Noemi Biancotti, Virginia Cervelli Montel, Linda Pierucci.
produzione La Biennale di Venezia
in collaborazione con Settori Danza e Musica della Biennale di Venezia, Regione Toscana, Accademia sull’arte del gesto