Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Lanónima Imperial – Juan Carlos García


Fondata a Barcellona nel 1986 dal coreografo Juan Carlos García (Bilbao 1958) e dal musicista Claudio Zulian, Lanónima Imperial è una delle più notevoli formazioni spagnole di danza contemporanea. Alla sua guida da quasi vent’anni, autore dei quindici spettacoli originali che hanno contraddistinto l’attività della compagnia, García ha alle spalle esperienze con alcuni dei maggiori coreografi del nostro tempo, da Merce Cunningham a Jean-Claude Gallotta, per il quale ha danzato due anni nella Compagnia Emile Dubois.
Composta inizialmente di soli uomini, Lanónima Imperial ha debuttato nel 1986 con un lavoro ispirato a Galileo, Eppur si muove, che dopo aver vinto il premio Tórtola Valencia in una versione breve di quindici minuti, viene presentata integralmente l’anno successivo, riscuotendo consensi unanimi. Seguono, tra gli altri, Cástor y Pólux (1988), Kairós (1990, Théâtre contemporain de la danse di Parigi, su musica di Victor Nubla), Afanya’t a poc a poc (1991, Holland Dance Festival), Eco de silenci (1993, Concorso Internazionale di Tel Aviv), Landschaft mit Schatten (1996, Komische TanzTheater di Berlino), Identificación de un paisaje (1997, Opera di Zagabria), Cuerpo de sombra y luz (1998), Scala 1: Infinito (2002), Orfeo (2003), La Mirada del Otro (2004), Cosa de Hombres (2005).
Gli spettacoli de Lanónima Imperial hanno raggiunto 14 paesi europei, nonché molte platee dell’America Latina, guadagnando all’ensemble numerosi premi internazionali: il solo Garcia è stato insignito del Gran Premio dell’VIII Festival Internazionale della Danza di Zagabria (1991), del Premio della Città di Barcellona (1992), del riconoscimento per la miglior coreografia alla II Competizione Internazionale “Suzanne Dellal”, a Tel Aviv (1994), del Premio nazionale della Danza del Governo Catalano (2000).

  • Per migliorare la tua navigazione sul nostro sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.