fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Richard Move


Laureato in Belle Arti presso la Virginia Commonwealth University, Move realizza diverse tournées internazionali come danzatore con Merce Cunningham e Yvonne Rainer e con compagnie quali Karole Armitage e DANCENOISE. Come coreografo sale alla ribalta grazie allo spettacolo Martha @…, del 1996: questo omaggio danzato a Martha Graham, in cui è lo stesso Move a vestire i panni della grande artista americana, ottiene due New York Dance and Performance Awards e viene trasmesso da Arts Express della BBC e City Arts della PBS, continuando tuttora ad essere rappresentato in tutto il mondo (una sua versione è stata ospitata al Romaeuropa Festival, nel 2004). L’identificazione con la Graham porta il coreografo anche ad apparire nei suoi panni in diversi spettacoli (Caged, con Lily Tomlin, Isabella Rossellini e Joan Rivers, Who’s Afraid of Virginia Woolf allestito nel 2004 dalla Fusion Theater Company del New Mexico), fino a produrre ed interpretare un film sulla vita della danzatrice, Ghostlight (2003), la cui regia è affidata a Christopher Herrmann.
Tra i fondatori del noto night-club Jackie 60, Move vi produce, dirige e interpreta infinite performance, ma dalla sua inesauribile creatività arrivano anche installazioni per eventi speciali legati alla moda, come il MAC Cosmetics e il VH1/Vogue Fashion Awards, e per quelli del mondo della musica pop (ha curato un video musicale per Elton John e l’allestimento artistico per il tour dei Blondie).
Tra i suoi lavori più recenti ricordiamo la coreografia di Diamonds Are Forever di Dame Shirley Bassey, quella di The Show (Achilles Heels) per il White Oak Dance Project di Baryshnikov, la regia di LES MIZrahi di Isaac Mizrahi, la creazione dell’assolo Lust per Helene Alexopolous, prima danzatrice del New York City Ballet, e la produzione di The Iron Sheik, suo one-man show.