fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Arvo Pärt • OHT Filippo Andreatta • PMCE Parco della Musica Contemporanea Ensemble

Curon | Graun


Fondata dal regista Filippo Andreatta e da sempre impegnata a sondare il limite tra teatro e arti visive, la compagnia OHT – Office for a Human Theatre si confronta per la prima volta con il teatro musicale ispirandosi alla musica di Arvo Pärt e a un ambiguo rapporto fra uomo e natura.

 

Base di questo progetto è la vicenda del paese altoatesino Curon, completamente sommerso nel 1950 e di cui oggi non è rimasto più nulla, a eccezione di un campanile che spunta dall’acqua. In scena, l’intreccio tra le immagini di questo campanile e la musica del celebre compositore evocano la tragicità dei fatti storici. Diverse modalità di narrazione si affiancano a differenti versioni di Fratres, composizione senza fissa strumentazione.

 

Così il testo e le immagini si mescolano con la performance live, immergendo il pubblico in un’esperienza ipnotica che vede nel campanile sommerso il protagonista di questa scena al fianco del Parco della Musica Contemporanea Ensemble. Introduce lo spettacolo l’esecuzione in prima italiana della Serenade (1978) di Valentin Sylvestrov, autore ucraino coetaneo di Arvo Pärt, esponente di rilievo di quell’estetica della musica meditativa, del silenzio, delle atmosfere rarefatte che caratterizzano  l’intero spettacolo.

 

 

 

 

Crediti

Durata 50′

Di OHT Con PMCE Parco della Musica Contemporanea Ensemble: Percussioni Flavio Tanzi Violini I Francesco Peverini, Miriam Guerrieri, Daniele Sabatini, Gianfranco Borrelli, Egida Zeneli Violini II  Filippo Fattorini, Michela Marchiana, Damiano Barreto, Giuliano Cavaliere, Fiorela Asqeri Viole Luca Sanzò, Alessio Toro, Arianna Bloise, Costanza Negroni  Violoncelli Anna Armatys, Michele Marco Rossi, Rina You Contrabbassi Massimo Ceccarelli, Diego Di Paolo Direttore Tonino Battista Musica Arvo Pärt “Fratres”; per quartetto d’archi, Fratres per archi e percussione Fratres per violino, archi e percussione, Cantus in memoriam Benjamin Britten Idea Filippo Andreatta, Paola Villani Regia Filippo Andreatta Set-design Paola Villani Light-design William Trentini Riprese, Montaggio video Armin Ferrari Assistenza allestimento Massimiliano Rassu Produzione Laura Marinelli Collaborazione grafica Letizia Tempesta Filisetti Decorazione Nadia Simeonkova, Silvano Brugnara Produzione Orchestra Haydn di Bolzano e Trento  | Haydn Orchester von Bozen und Trient Coproduzione OHT, Centrale Fies Contributo Fondazione Caritro Progetto vincitore OPER.A 20.21 FRINGE Editore | Herausgeber Universal Edition AG Rappresentante per l’Italia | In Italien vertreten durch Casa Ricordi, Milano Foto © OHT