SHILPA GUPTA

SHILPA GUPTA

La tecnologia come prolungamento della realtà quotidiana per indagare la reiterazione e lo svuotamento dei sogni. La tecnologia e’ un dispositivo narrativo ma anche soggetto/oggetto di indagine.

shilpagupta.com

© Courtesy GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Le Moulin
Co-produzione Fondazione Romaeuropa arte e cultura
Installazione / 2007 – 2008 / 4 Photographs printed on canvas, with sound
168 x 137 cm Ed. 6 / Ph. Ela Bialkowska

Shilpa Gupta (Mumbai, 1976) inizia giovanissima a lavorare utilizzando un ampio ventaglio di mezzi espressivi con i quali si relaziona al mondo politico e culturale circostante. La sua pratica artistica ha assunto svariate forme: video, fotografia e installazioni, spesso interattive. La partecipazione a numerosi eventi espositivi di portata internazionale -le Biennali di Sydney (2006), di Shanghai (2010), de L’Avana, di Liverpool, di Lione (2007) e la Triennale di Yokohama (2008), solo per fare alcuni esempi- le hanno attribuito grande visibilità e la possibilità di affermarsi come la più eminente artista indiana sulla scena della video arte e dei nuovi media. Nel 2004 è stata insignita del prestigioso premio Transmediale Art Award. Nel 2012 ha ha realizzato le scenografie per l’Opera Nixon in Chinadi John Adams.