fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio
Prima nazionale

Dorothée Munyaneza

Mailles


Nel 2017 Dorothée Munyaneza presentava al REf il suo Unwanted: una sinfonia di parole, movimenti e canzoni attraverso le quali raccontare le storie di donne vittime di stupro in guerra. Oggi la regista originaria del Rwanda, di nazionalità britannica ma con base a Marsiglia, celebra la potenza e la forza femminile riunendo sulla scena sei donne fortemente impegnate e provenienti da differenti zone del mondo.

Voci afroamericane, haitiane, danesi, inglesi o brasiliane, storie di cantanti e danzatrici si uniscono sul palco per costruire un unico coro, uno spazio in cui esorcizzare i ricordi e i torti subiti. Insieme all’artista visiva Stéphanie Coudert, Munyaneza intesse narrazioni, costumi e materiali, tradizioni e suoni tramutandoli in punti interrogativi di un’unica domanda che riguarda, ovunque nel mondo, la libertà femminile e quella del corpo.  Mailles è una «narrazione universale composta dalle nostre storie intime mescolate (…) ricordi popolati da storie ancestrali, storie attuali. Celebrazioni nelle nostre diverse lingue, inglese, francese, tedesco, Portoghese, spagnolo, Isizulu, Kinyarwanda, Kreyòl. (…) La resilienza come arma di resistenza ci accompagna e costituisce la nostra forza, la nostra bellezza».

Bio

Dorothée Munyaneza è una cantante, attrice, ballerina e coreografa britannica-ruandese. Ha prodotto due brani performativi, Samedi Détente e Unwanted, entrambi sul genocidio in Ruanda.

Crediti

Ideazione: Dorothée Munyaneza

Con: Ife Day, Yinka Esi Graves, Asmaa Jama, Elsa Mulder, Nido Uwera, Dorothée Munyaneza
Collaborazione artistica, costumi: Stéphanie Coudert

Consulenza scenografica: Vincent Gadras
Ringraziamenti: Hlengiwe Lushaba Madlala, Zora Santos, Keyierra Collins
Musica: Alain Mahé, Ben Lamar Gay, Dorothée Munyaneza
Creazione sonora: Alain Mahé
Creazione luci: Christian Dubet
Direzione di produzione e sviluppo: Emmanuel MagisAnahi, assisté de Margot Delorme
Regia generale: Marion Piry
Regia luci: Marine Levey et Anna Geneste
Regia del suono : Camille Frachet
Traduzione sottotitoli: Olivia Amos

Produzione: Compagnie Kadidi / Anahi
Coproduzione: Charleroi danse – Centre Chorégraphique de la Fédération Wallonie (Bruxelles), Châteauvallon – Scène Nationale, Théâtre de Saint-Quentin-en-Yvelines, Le Grand T – Théâtre de Loire-Atlantique, CCN Ballet National de Marseille, NEXT festival / La Rose des vents, scène nationale Lille Métropole Villeneuve d’Asq,Théâtre National de Bretagne (Rennes), Théâtre de Nîmes – Scène conventionnée d’intérêt national – Art et Création – Danse Contemporaine, Théâtre de la Ville-Paris, Festival d’Automne à Paris
Corealizzazione: Les Spectacles vivants – Centre Pompidou, Paris ; Théâtre de la Ville-Paris, Festival d’Automne à Paris
Avec le soutien de la DRAC Provence-Alpes-Côte d’Azur, Ministère de la Culture, du Fonds de dotation du Quartz – Scène nationale de Brest, de La Chartreuse de Villeneuve lez Avignon – Centre national des écritures contemporaines, de la SPEDIDAM et du Département des Bouches du Rhône.
Dorothée Munyaneza è artista associata al Théâtre de la Ville-Paris.
Manifestazione organizzata nel quadro de la Saison Africa 2020 con il sostegno del Comité des mécènes costituito da: Fondation Gilbert et Rose-Marie Chagoury, Orange, Total Foundation, Axian, Groupe Sipromad, JCDecaux, Pernod Ricard, Sanofi, Société Générale, VINCI, CFAO, ENGIE, Thales, Thomson Broadcast et Veolia
Dorothée Munyaneza è stata in residenza a Chicago (USA) con il sostegno de la FACE Foundation,il Consolato francese a Chicago, l’Institut Français Paris ; e in partenariato con High Concept Labs, Ragdale Foundation, Experimental Station, Poetry Foundation, France Chicago Center à l’Université de Chicago.
Con il sostegno di l’Adami
Debutto a Charleroi il 23 e il 24 ottobre 2020 (Belgio)
In partnership con France Culture