fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Dal 26 al 30 ottobre torna DANCING DAYS  


Dal 26 al 30 ottobre torna DANCING DAYS  
Al mattatoio di Testaccio i giorni della danza europea.

 

Dancing Days è la fotografia di un movimento che attraversa l’Europa facendone danzare le identità e che raccoglie alcune delle più sorprendenti creazioni della scena coreografica europea (anche grazie alla rete Aerowaves) disegnando network sul territorio nazionale e internazionale.

Ne sono protagoniste e protagonisti la danzatrice e coreografa franco-malgascia Soa Ratsifandrihana con Gr oo ve, un assolo quasi spirituale che recupera i ricordi dell’infanzia, la francese Leïla Ka con Pode Ser, C’est toi qu’on adore, Se Faire la belle, una trilogia volta ad esplorare differenti linguaggi coreografici e molteplici identità entrambe il 26 ottobre.

Il 28 ottobre con Open Drift il tedesco Philippe Kratz mette al centro del suo lavoro il caleidoscopio di emozioni generate da ogni nuovo incontro, mentre l’olandese Andrea Hannes è impegnato con Warping Soul. Premiata sempre nell’ambito di DNAppunti Coreografici 2020 la coreografa italiana Stefania Tansini con My Body trio una piece intimista e delicata.

Il 29 ottobre un passo a tre che attinge al vocabolario della house dance Soirée d’etudes del belga Cassiel Gaube.

Il 30 ottobre invece si rinnova l’appuntamento con DNAppunti Coreografici, il progetto a sostegno delle coreografe e dei coreografi under35 promosso e sostenuto dall’omonima rete e di cui Romaeuropa presenta, all’interno della sua programmazione, la serata finale di premiazione e in prima nazionale il lavoro vincitore della scorsa edizione: Pas de deux di Jari Boldrini e Giulio Petrucci che pone al centro della propria ricerca il valore del legame e delle relazioni.