Giulio Cesare. Pezzi staccati
ROMEO CASTELLUCCI

Giulio Cesare. Pezzi staccati

27 ottobre - 30 ottobre 2015
Da martedì a venerdì doppia replica h 19 e h 21
da € 13 a € 15
Aula Ottagonale delle Terme di Diocleziano (Ex Planetario)
Acquista online

Dopo tutte le repliche | visita guidata gratuita degli spazi dell’Aula Ottagonale delle Terme di Diocleziano (Ex Planetario)
PROGRAMMA DI SALA

Giulio Cesare. Pezzi staccati

Intervento drammatico su William Shakespeare

Un titolo storico della Socìetas Raffaello Sanzio, “Giulio Cesare”, ispirato alla tragedia di Shakespeare, torna sulle scene riallestito in “frammenti”: una nuova forma per evocare uno spettacolo irripetibile di Romeo Castellucci. Uno scontro senza remissione tra due mondi, simboli aerei e oscuri, il conflitto tra padri e figli, la potenza della retorica, segno luminoso di forza e decadenza: al suo debutto nel 1997, questo “Giulio Cesare. Tratto da Shakespeare e dagli storici latini” segnava profondamente la scena teatrale e imponeva all’attenzione internazionale il nome di Castellucci, insieme a Chiara Guidi e Claudia Castellucci. Uno spettacolo oggi irripetibile, così il regista e drammaturgo di Cesena, che adora rappresentare l’irrappresentabile lo riporta in scena, optando per una versione più corta, scegliendo una serie di momenti emblematici, dei “pezzi staccati per un intervento drammatico su Shakespeare”, come recita il sottotitolo. Prendono vita una serie di frammenti intorno a cui si snoda, ma sarebbe più giusto “si annoda”, l’intera vicenda. Attraverso una sonda ottica, Castellucci mette in primo piano l’origine stessa della voce nella gola. Il puro corpo del suono visualizzato nelle corde vocali ci mostra, nella sua debolezza, la fabbrica della parola, ambivalente quando attinge al poderoso armamento della retorica. Non poteva mancare l’orazione funebre di Antonio: il suo sfoggio d’oratoria diventa una lacerante arma politica, uno sfolgorio di persuasione di massa e, al tempo stesso, decade a parole senza suono, alla finzione che è alla base del teatro. Bruto, Cassio, Cicerone, Antonio e perfino Cesare diventano strumenti di forze misteriose, in una storia che li stritola, per sublimarli in storia e consegnarli all’eternità.


Ideazione, Regia Romeo Castellucci
Con Gianni Plazzi (Giulio Cesare), Dalmazio Masini (Marcantonio), Simone Toni (…vskji)
Assistenza alla messa in scena Silvano Voltolina Tecnica Stefano Carboni
Foto © Luca Del Pia

Prodotto da Socìetas Raffaello Sanzio Nel quadro de “e la volpe disse al corvo. Corso di linguistica generale” Progetto speciale della città di Bologna 2014

Schermata 2015-05-29 a 11.27.49