fbpx

Eco

Light

Eco

Light

Torna su
Cerca ovunque |
Escludi l'Archivio |
Cerca in Archivio

Ensemble Itinéraire


Fondato nel 1973 da Michaël Levinas, Tristan Murail, Hugues Dufourt, Gérard Grisey, e Roger Tessier, l’Itinéraire è uno dei maggiori ensemble europei dedicati alla musica contemporanea, la cui attività trentennale ha condotto alla collaborazione con alcune delle più prestigiose istituzioni musicali della scena attuale, dall’Ircam al Centre Georges Pompidou, dov’è residente, dal Conservatoire National Supérieur de Musique de Paris a Radio France.
Affondando le sue radici nell’opera di Messiaen, l’Itinéraire nasce nel solco della corrente spettrale, che, soprattutto attraverso le nuove tecnologie disponibili negli anni settanta, punta alla scomposizione frequenziale del suono e delle sue diverse proprietà acustiche: proprio Levinas, Murail e Grisey saranno gli artisti più rappresentativi del movimento, trasformando l’ensemble in un laboratorio di grande vivacità sperimentale e pronto a rinnovarsi accogliendo negli anni nuove generazioni di musicisti e compositori (tra cui Jean-Louis Agobet, Riccardo Nova, Gérard Zinsstag, Thierry Blondeau, Alain Louvier)
Dopo essere stato a lungo un punto di riferimento creativo per interpreti, autori, artisti e intellettuali di diversa estrazione, che vi hanno trovato un luogo di dibattito particolarmente stimolante, l’Itinéraire si è andato ridefinendo nel corso degli anni novanta come formazione stabile di giovani musicisti, alcuni dei più promettenti solisti europei riuniti sotto la direzione di Pascal Rophé. Dal novembre 2003, inoltre, Michaël Levinas ha ceduto il testimone della direzione artistica a Jean-Loup Graton, mentre dal 2004 Jacqueline Muller è diventata presidente dell’ensemble e Mark Foster direttore musicale.
La discografia dell’Itinéraire è legata agli esiti migliori della musica della seconda metà del novecento, ma mantiene comunque un rapporto privilegiato con l’opera di Levinas, Grisey e Murail, come confermano le incisioni anche recenti degli Espaces Electriques (Salabert – Actuels), de La conférence des oiseaux (ADES), o, sempre di Levinas, di Appels, Arsis et Thésis, Froissements d’ailes, Voix dans un vaisseau d’airain (INA).